Martedi 7 Maggio 2024
Ricorso per cassazione su indirizzo pec errato del mittente: condanna ex art. 96 cpc
Di Anna Andreani.

E' da ritenersi giustificato che colui che abbia contribuito all'impegno di risorse giurisdizionali in sé limitate, nonostante una prima delibazione negativa, in caso di conferma di detta delibazione da parte del Collegio adito venga condannato ex art. 96 cpc per abuso del processo.

In tal senso si è espressa la Corte di Cassazione nell'ordinanza n. 6040/2024.

Il caso: la società ...

Leggi tutto…
Giovedi 2 Maggio 2024
Atto di appello notificato alla PEC del legale non risultante dal Reginde: conseguenze
A cura della Redazione.

Con l'ordinanza n. 10677/2024 la Corte di Cassazione torina ad occuparsi delle conseguenze derivanti dalla notifica di un atto di appello ad un indirizzo PEC dell'avvocato di controparte non risultante dal registro Reginde.

Il caso: Tizio chiedeva ed otteneva dal Tribunale di Verona decreto ingiuntivo per il pagamento della terza rata (per l’importo di euro 18. 000,00) del corrispettivo previsto dal ...

Leggi tutto…
Venerdi 5 Aprile 2024
Appello notificato a mezzo pec con allegati dei file vuoti: nullità o inesistenza?
Di Anna Andreani.

La Corte di Cassazione nell'ordinanza n. 30082/2023 si pronuncia in merito alle conseguenze derivanti da una notifica a mezzo PEC di un atto di appello contenente la menzione degli atti notificati ma a cui sono stati allegati dei file vuoti.

Il caso: Nell'ambito di un giudizio pomosso da cinque impiegati amministrativi nei confronti del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della ...

Leggi tutto…
Mercoledi 20 Marzo 2024
Omessa sottoscrizione digitale dell'atto redatto in originale informatico: conseguenze
A cura della Redazione.

Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione nella sentenza n. 6477 del 12 marzo 2024 si sono pronunciate in merito alle conseguenze derivanti dalla mancata sottoscrizione digitale da parte del difensore del ricorso redatto in originale informatico (c. d. nativo digitale).

Il caso: l’Agenzia delle Entrate impugnava avanti alla Corte di Cassazione la sentenza della Commissione Tributaria Regionale (C. T. ...

Leggi tutto…
Mercoledi 20 Marzo 2024
L'invito alla mediazione delegata viene comunicato alla pec del difensore: conseguenze
Di Anna Andreani.

Ammissibile la comunicazione dell'invito alla mediazione delegata dal giudice presso il procuratore costituito nel processo in quanto garantisce la effettiva conoscibilità della stessa per la parte rappresentata.

In tal senso si è espressa la Corte d'Appello di Napoli nella sentenza n. 586/2024.

Il caso: Mevia conveniva avanti al Tribunale di Napoli Lucilla per sentire dichiarare ex art. ...

Leggi tutto…
Venerdi 15 Marzo 2024
Nuovi indirizzi PEC dell' Inps per la notifica degli Atti Giudiziari
A cura della Redazione.

Operatività e valore legale dall'8 marzo 2024.

Sul sito istituzionale dell'’INPS si rende noto che, dall’8 marzo, la notificazione all’INPS degli atti in materia civile, penale, amministrativa, contabile e stragiudiziale, è validamente effettuata, a tutti gli effetti, solo ai nuovi indirizzi PEC indicati nell’elenco previsto dall’articolo 6-ter (Indice dei domicili ...

Leggi tutto…
Martedi 23 Gennaio 2024
Pec istituzionale non risultante da pubblici elenchi e validità della notifica
Di Giovanni Iaria.

Con l’ordinanza n. 564/2024, pubblicata l’8 gennaio 2024, la Corte di Cassazione si è nuovamente pronunciata sulla questione, ancora oggi attuale, relativa alle validità o meno della notifica di una cartella di pagamento eseguita a mezzo pec da un indirizzo di posta elettronica certificata istituzionale non risultante da pubblici elenchi.

IL CASO: Una contribuente alla quale ...

Leggi tutto…
Giovedi 9 Novembre 2023
Notifica sfratto a mezzo PEC: gli orientamenti della giurisprudenza
Di Massimo Baglieri.

Capita spesso che il locatore, intrapresa una procedura di sfratto, abbia difficoltà a reperire la reale residenza o dimora del conduttore e che non riesca a notificare l’intimazione di sfratto.

Si tratta ad esempio dell’ipotesi che si verifica molto spesso, in cui il conduttore abbia di fatto lasciato l’immobile condotto in locazione ma non abbia immesso nel relativo possesso il ...

Leggi tutto…
Giovedi 2 Novembre 2023
Notifica a mezzo pec: nulla e non inesistente se i file allegati sono vuoti
Di Giovanni Iaria.

E’ nulla e non inesistente la notifica di un atto giudiziario eseguita a mezzo di posta elettronica certificata (pec) se i file allegati risultano vuoti.

Lo ha precisato la Corte di Cassazione con l’ordinanza 30082/2023, pubblicata il 30 ottobre scorso, affermando il principio di diritto secondo il quale “Nelle notificazioni a mezzo PEC, qualora il messaggio regolarmente pervenuto al ...

Leggi tutto…
Venerdi 20 Ottobre 2023
Non è necessaria la firma digitale sulla cartella di pagamento in formato pdf notificata con pec
Di Giovanni Iaria.

E' valida la notifica della cartella di pagamento eseguita a mezzo pec in copia informatica pdf, originariamente in formato cartaceo, priva della sottoscrizione digitale. Il principio è stato ribadito dalla Corte di Cassazione con l'ordinanza 28852/2023, pubblicata il 18 ottobre scorso.

IL CASO: Una società impugnava la “comunicazione preventiva di iscrizione di fermo ...

Leggi tutto…
Giovedi 10 Agosto 2023
Notifica dell'appello via pec a avvocato diverso da quello del primo grado: conseguenze
Di Giovanni Iaria.

E’ nulla e non inesistente la notifica dell’atto di appello eseguita telematicamente all’indirizzo pec di un procuratore diverso da quello costituito nel giudizio di primo grado.

Lo ha affermato la Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 23512/2023, pubblicata il 2 agosto 2023.

IL CASO: La Corte di Appello, nella contumacia dell'appellato, attore in primo grado, in parziale ...

Leggi tutto…
Martedi 18 Luglio 2023
L'incapienza della casella pec non giustifica la richiesta di rimessione in termini.
Di Francesca De Carlo.

Per il CNF, la casella di posta elettronica certificata piena, non è valido motivo per ottenere la richiesta di rimessione in termini per la notifica di un atto.

Un' avvocata, con istanza depositata attraverso PEC, aveva chiesto al CNF di sospendere la decisione del Consiglio di disciplina emessa nei suoi confronti, di sospensione dalla professione di sei mesi, chiedendo di restituire il termine per ...

Leggi tutto…
Lunedi 17 Luglio 2023
Sospesa fino al 31 dicembre 2023 l'efficacia delle disposizioni in materia di notifiche eseguite dagli avvocati.
Di Anna Andreani.

Si rende noto che L'ART. 4 TER del D. L. n. 51/2023, convertito con modifiche nella Legge n. 87 del 3 luglio 2023, relativamente alle notificazioni eseguite dagli avvocati ai sensi dell'articolo 3-ter della legge 21 gennaio 1994, n. 53 ha SOSPESO fino al 31 dicembre 2023 l'efficacia delle disposizioni dei commi 2 e 3 dell'articolo 3-ter della legge 21 gennaio 1994, n. 53, introdotto dal decreto legislativo 10 ...

Leggi tutto…
Venerdi 30 Giugno 2023
INAD: attivato l'indice nazionale dei domicili digitali delle persone fisiche
A cura della Redazione.

In data 28 giugno 2023 il CNF ha comunicato a tutti i Consigli dell'Ordine l'avvenuta attivazione ad opera dell AgID (ossia l'Agenzia per l'Italia Digitale) dell'Indice Nazionale dei Domicili Digitali (INAD) delle persone fisiche, dei professionisti e degli altri enti di diritto privato non tenuti all'iscrizione in albi o registri professionali.

Nel comunicato si specifica che:

a) I domicili digitali ...

Leggi tutto…
Mercoledi 21 Giugno 2023
Notifica atto giudiziario a mezzo pec irrituale: conseguenze
Di Giovanni Iaria.

Con l’ordinanza 16778, pubblicata il 13 giugno 2023, la Corte di Cassazione si è nuovamente pronunciata sulle conseguenze derivanti dalla notifica irrituale di un atto giudiziario a mezzo di posta elettronica certificata (pec).

IL CASO: Il Giudice di Pace accoglieva l’opposizione promossa da un avvocato avverso un ordinanza di ingiunzione ricevuta da un comune per la violazione del ...

Leggi tutto…
Giovedi 15 Giugno 2023
Notifica via pec non andata a buon fine per “casella piena” del destinatario: conseguenze
Di Anna Andreani.

La Corte di Cassazione nell'ordinanza n. 16125/2023 chiarisce quali oneri abbia il notificante nel caso in cui la notifica via pec dell'appello non vada a buon fine a causa della casella piena del destinatario.

Il caso: Tizio, quale attore nell'ambito di un procedimento avanti alla sezione specializzata in materia di impresa, chiedeva al Tribunale adito di accertare la sua titolarità delle quote ...

Leggi tutto…
Mercoledi 14 Giugno 2023
Pignoramento presso terzi:forma e modalità di invio della dichiarazione del terzo
Di Anna Andreani.

La Corte di Cassazione con l'ordinanza n. 16005/2023 chiarisce le modalità formali con cui il terzo pignorato deve inviare al cerditore procedente la dichiarazione di quantità ex art. 547 cpc.

Il caso: Il G. E. presso il Tribunale, nell’ambito del pignoramento presso terzi in danno di Tizio, assegnava alla società Delta s. p. a. il credito dell’esecutato verso il Banco Alfa ...

Leggi tutto…
Lunedi 12 Giugno 2023
Notifica via pec e deposito delle ricevute di accettazione e consegna in formato pdf: nullità
Di Giovanni Iaria.

Con l’ordinanza 16189, pubblicata l’8 giugno 2023, la Corte di Cassazione si è pronunciata sulle conseguenze derivanti dal deposito telematico di un atto giudiziario notificato a mezzo pec senza le ricevute di accettazione e consegna in formato “eml” o “msg”.

IL CASO: Sulla scorta di un decreto di omologa della separazione, una signora notificava all’ex marito ...

Leggi tutto…
Mercoledi 7 Giugno 2023
Notifica dell'appello da una casella pec ad una casella di posta ordinaria: conseguenze
Di Anna Andreani.

Con la sentenza n. 15345/2023 la Corte di Cassazione si pronuncia in merito alla regolarità o meno di una notifica telematica inviata da una casella PEC ad una casella di posta elettronica ordinaria.

Il caso: Mevia, dirigente biologa presso l'Azienda Sanitaria, agiva davanti al Tribunale al fine di ottenere il riconoscimento delle differenze retributive per essere stata preposta, dapprima, alla ...

Leggi tutto…
Lunedi 15 Maggio 2023
PCT: quando può dirsi perfezionato il deposito telematico degli atti
Di Anna Andreani.

La Quarta Sezione penale della Corte di Cassazione con la sentenza n. 20262 del 12 maggio 2023 ha chiarito quando può dirsi perfezionato il deposito telematico di un atto, nel caso specifico di un'opposizione al decreto di rigetto dell'istanza di ammissione al patrocinio a spese dello Stato.

Il caso: Il Tribunale di Catania dichiarava inammissibile il ricorso in opposizione presentato ex art. 702 bis ...

Leggi tutto…

Pag. 1/8 << Inizio< Indietro > Avanti>> Fine

Iscriviti gratis alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.036 secondi