Venerdi 27 Maggio 2022
Opposizione a decreto ingiuntivo tardiva: presupposti
Di Giovanni Iaria.

Con l’ordinanza n. 15175/2022, pubblicata il 12 maggio 2022, la Corte di Cassazione si è nuovamente pronunciata sui presupposti affinchè possa essere ritenuta ammissibile l’opposizione tardiva a decreto ingiuntivo.

IL CASO: Un soggetto nei confronti del quale era stato emesso un decreto ingiuntivo, proponeva opposizione tardiva avverso il suddetto decreto.

L’opposizione ...

Leggi tutto…
Giovedi 26 Maggio 2022
Udienza cartolare e morte dell'assistito comunicata con le note scritte: dies a quo per la riassunzione
Di Anna Andreani.

Nell'ordinanza n. 16797 del 24 maggio 2022 la Corte di Cassazione si pronuncia in merito al momento in cui comincia a decorrere il termine per la riassunzione del giudizio allorchè il procuratore comunichi il decesso dell'assistito nelle note scritte depositate telematicamente per emergenza Covid.

Il caso: Tizio e Mevia convenivano avanti al Tribunale l'ex amministratore del condominio, Caio, per ...

Leggi tutto…
Martedi 24 Maggio 2022
La parte deposita la memoria di replica senza aver depositato la conclusionale: conseguenze
Di Giovanni Iaria.

Nei giudizi civili è abbastanza frequente che, dopo la concessione dei termini di cui all’art. 190 c. p. c. , una delle parti depositi la memoria di replica omettendo di depositare la comparsa conclusionale.

In questi casi il solo deposito della memoria di replica è ammissibile? Sulla questione si è pronunciata di recente la Corte di Cassazione con l’ordinanza 7606/2022, ...

Leggi tutto…
Martedi 17 Maggio 2022
Ricorso per cassazione promosso dall'ex legale rappresentante di una società estinta: inammissibilità
Di Giovanni Iaria.

E’ inammissibile il ricorso per cassazione promosso dall’ex legale rappresentante di una società di capitali cancellata dal registro delle imprese. Lo ha ribadito la Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 14891/2022, pubblicata l’11 maggio 2022.

IL CASO: La vertenza nasce dal ricorso promosso da una società avverso un avviso di accertamento notificatole ...

Leggi tutto…
Mercoledi 11 Maggio 2022
Due dei giudici componenti il collegio che ha deciso la causa non hanno partecipato alla discussione: conseguenze
A cura della Redazione.

Il collegio che delibera la decisione deve essere composto dagli stessi giudici dinanzi ai quali è stata compiuta l'ultima attività processuale, ossia la discussione o la precisazione delle conclusioni, pena la nullità della sentenza. In tal senso si è espressa la Corte di Cassazione nella sentenza n. 13856/2022.

Il caso: Con ricorso ex art. 702-bis c. p. c. l'avvocato Tizio ...

Leggi tutto…
Mercoledi 11 Maggio 2022
Assenza del difensore all'udienza di precisazione delle conclusioni: conseguenze
Di Anna Andreani.

Nell'ordinanza n. 13524/2022 la Corte di Cassazione si pronuncia in merito alle conseguenze derivanti dalla mancata partecipazione del difensore di una parte all'udienza di precisazione delle conclusioni.

Il caso: Tizio chiamava in giudizio innanzi al Tribunale di Tivoli Mevio, sostenendo di avergli prestato euro 53. 600 attraverso la consegna di una serie di assegni (intestati a sé stesso e girati in ...

Leggi tutto…
Venerdi 6 Maggio 2022
Tardivo deposito del fascicolo di parte nel giudizio di appello: conseguenze
Di Anna Andreani.

La Corte di Cassazione nell'ordinanza n. 14096 del 4 maggio 2022 fa chiarezza in merito alle conseguenze derivanti dal mancato deposito nel termine di legge del fascicolo di parte nel giudizio di appello.

Il caso: Tizio conveniva in giudizio, davanti al Giudice di pace di Napoli, la Assicurazioni s. p. a. , nella qualità di impresa designata dal Fondo di garanzia per le vittime della strada, chiedendo ...

Leggi tutto…
Giovedi 14 Aprile 2022
Contenuto e requisiti dell'atto di precetto su mutuo fondiario
Di Giovanni Iaria.

Con l’ordinanza n. 11242/2022 pubblicata il 6 aprile 2022, la Corte di Cassazione si è pronunciata sulla questione relativa alla validità o meno dell’atto di precetto su mutuo fondiario privo dell’indicazione dell’apposizione della formula esecutiva e della data di esecuzione della formalità.

IL CASO: La vertenza origina dall’atto di precetto notificato da ...

Leggi tutto…
Martedi 12 Aprile 2022
Clausole di stile e valore indeterminabile della domanda di risarcimento danni.
A cura della Redazione.

Con l'ordinanza n. 11213/2022 la Corte di Cassazione si è nuovamente occupata degli effetti sulla competenza della clausola, inserita nella domanda di condanna ad una somma determinata, recante la seguente dicitura : “o di quella maggiore o minore che riterrà di giustizia. . ”

Il caso: Tizia citava in giudizio la società X spa davanti al Tribunale di Roma, con il rito sommario ...

Leggi tutto…
Lunedi 11 Aprile 2022
Morte o perdita della capacita’ di stare in giudizio della parte non dichiarata: modalita' di notifica dell'appello
Di Giovanni Iaria.

Con la sentenza n. 11193/2022, pubblicata il 6 aprile 2022, la Corte di Cassazione si è nuovamente pronunciata sulla validità o meno, ai fini della decorrenza del termine breve per l’impugnazione di una sentenza, della notifica presso il procuratore della parte costituita tutte le volte in cui quest’ultima nelle more del giudizio muore o perde la capacità giuridica e l’evento ...

Leggi tutto…
Giovedi 7 Aprile 2022
Opposizione alla esecuzione dell'ordinanza di convalida di sfratto e rito applicabile.
Di Giovanni Iaria.

Con l’ordinanza 10233/2022, pubblicata il 30 marzo 2022, la Corte di Cassazione si è pronunciata sul rito applicabile alle opposizioni all’esecuzione delle ordinanze di convalida di sfratto.

IL CASO: Nel corso di un processo esecutivo per espropriazione immobiliare, il debitore proponeva ricorso in opposizione, ai sensi degli artt. 615 e 617 c. p. c. L’opposizione, qualificata dal ...

Leggi tutto…
Mercoledi 30 Marzo 2022
Atto di appello notificato all'originario difensore revocato dalla controparte: conseguenze
Di Anna Andreani.

La Corte di Cassazione nell'ordinanza n. 9332/2022 fa chiarezza sulle conseguenze derivanti dalla notifica di un atto di appello nei confronti dell'originario difensore revocato dal cliente, in luogo del difensore nominato in sua sostituzione.

Il caso: La Corte d'appello di Cagliari dichiarava inammissibile l'appello promosso dalla Assicurazione Delta avverso la sentenza del Tribunale con la quale essa, quale ...

Leggi tutto…
Martedi 29 Marzo 2022
Termini e modalità di formulazione della domanda trasversale di un convenuto nei confronti di altro convenuto.
Di Anna Andreani.

Il convenuto che formula una domanda nei confronti di altro convenuto non ha l'obbligo di richiedere il differimento dell'udienza ex art. 269 c. c. In tal senso si è espressa la Corte di Cassazione nell'ordinanza n. 9441/2022.

Il caso: Tizia conveniva dinanzi al Tribunale di Ragusa 1'Azienda Sanitaria Locale deducendo di essere stata sottoposta ad un intervento chirurgico in un ospedale gestito dall' ...

Leggi tutto…
Lunedi 28 Marzo 2022
Precetto su decreto ingiuntivo provvisoriamente esecutivo gia’ notificato: requisiti formali
Di Giovanni Iaria.

Con l’ordinanza n. 8870/2022, pubblicata il 18 marzo 2022, la Corte di Cassazione si è pronunciata sulla questione relativa alla validità o meno dell’atto di precetto su decreto ingiuntivo provvisoriamente esecutivo già notificato nel caso in cui il creditore con la successiva notifica del precetto non faccia menzione del provvedimento che ha disposto l’esecutorietà e ...

Leggi tutto…
Giovedi 3 Marzo 2022
Sospensione dall'esercizio dell'attività forense dell'unico difensore della parte costituita: conseguenze.
Di Anna Andreani.

Nell'ordinanza n. 5933/2022 la Corte di Cassazione ribadisce il principio per cui l'interruzione automatica del processo a seguito della sospensione dall'esercizio della professione forense dell'unico difensore della parte impone la prova di un concreto pregiudizio al diritto di difesa.

Il caso: La corte d'appello, in accoglimento dell'appello proposto da Mevia, revocava il decreto ingiuntivo che il ...

Leggi tutto…
Mercoledi 2 Marzo 2022
Modalità di notifica dell'atto alla società e/o al legale rappresentante ex art. 145 cpc
Di Anna Andreani.

Nell'ipotesi in cui la notifica di un atto presso la sede di una società non vada a buon fine, il notificante può riconsegnare l'atto agli Ufficiali Giudiziari per la notifica al legale rappresentante, provvedendo in quella sede a indicarne le generalità e la residenza nella relata in calce all'atto.

In tal senso si è espressa la , la Corte di Cassazione nell'ordinanza n. ...

Leggi tutto…
Lunedi 17 Gennaio 2022
Ricorso per cassazione notificato con pec e deposito in cancelleria senza l'attestazione di conformita’: conseguenze
Di Giovanni Iaria.

Con l’ordinanza n. 597/2022, pubblicata l’11 gennaio 2022, la Corte di Cassazione si è nuovamente occupata della questione relativa alle conseguenze derivanti dal deposito del ricorso per cassazione notificato a mezzo pec privo e depositato senza l’attestazione di conformità.

IL CASO: La vicenda approdata all’esame della Cassazione trae origine da un ricorso ex art. 702 ...

Leggi tutto…
Martedi 14 Dicembre 2021
Istanza di correzione del provvedimento presupposto e decorrenza del termine per equo indennizzo
Di Giovanni Iaria.

Con l’ordinanza n. 38473/2021, pubblicata il 6 dicembre 2021, la Corte di Cassazione si è pronunciata sulla questione relativa alla decorrenza del termine di sei mesi per il deposito della domanda tesa ad ottenere l’equo indennizzo derivante dall’irragionevole durata del processo nel caso di pendenza dell’istanza di correzione dell’errore materiale del provvedimento che ha ...

Leggi tutto…
Venerdi 10 Dicembre 2021
Notifica del ricorso in Cassazione ripetuta due volte alla stessa parte: conseguenze
Di Giovanni Iaria.

Come disposto dal primo comma dell’art. 369 c. p. c. , il ricorso per cassazione deve essere depositato nella cancelleria della corte, a pena di improcedibilità, nel termine di venti giorni dall’ultima notificazione alle parti contro le quali è proposto. Nel caso in cui il ricorso viene notificato due volte alla stessa parte, da quando decorre il predetto termine per il deposito?

La ...

Leggi tutto…
Giovedi 2 Dicembre 2021
L’interesse personale del testimone ai fini dell’incapacita’ a testimoniare
Di Giovanni Iaria.

Secondo quanto disposto dall’art. 246 del Codice di procedura civile “Non possono essere assunte come testimoni le persone aventi nella causa un interesse che potrebbe legittimare la loro partecipazione al giudizio. ” Quando si è in presenza dell’interesse personale che configura l’incapacità a testimoniare del teste?

Sulla questione si è pronunciata di ...

Leggi tutto…

Pag. 1/21 << Inizio< Indietro > Avanti>> Fine

Iscriviti gratis alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.026 secondi