Martedi 11 Maggio 2021
Risarcimento del danno, domanda specificata nel quantum e vizio di ultrapetizione.
Di Anna Andreani.

Con la sentenza n. 12159 del 7 maggio 2021 la Corte di Cassazione chiarisce quando si delinea il vizio di ultrapetizione in relazione ad una domanda di risarcimento del danno esattamente quantificata nel suo ammontare.

Il caso: La Corte d'Appello di Palermo respingeva il gravame interposto dall'Azienda Delta in relazione alla pronunzia del Tribunale di Palermo di accoglimento della domanda nei suoi ...

Leggi tutto…
 Mercoledi 20 Gennaio 2021
La domanda giudiziale non corrisponde all'istanza di mediazione: conseguenze
A cura della Redazione.

Si segnala la sentenza n. 1064 del 28 dicembre 2020 del Tribunale di Potenza in cui vengono evidenziate le conseguenze nell'ipotesi in cui non vi sia corrispondenza tra l'istanza di mediazione e la successiva domanda giudiziale.

Il caso: Con atto di citazione la società Alfa s. r. l. agiva in giudizio nei confronti della Delta s. p. a. al fine di ottenere il risarcimento del danno ...

Leggi tutto…
 Venerdi 24 Luglio 2020
Domanda di accertamento negativo del credito e interruzione della prescrizione.
Di Giovanni Iaria.

Con l’ordinanza n. 15292/2020, pubblicata il 17 luglio 2020, la Corte di Cassazione si è pronunciata sull’idoneità o meno della domanda giudiziale di accertamento negativo del credito ai fini dell’interruzione della prescrizione.

IL CASO: La vicenda trae origine dalla sentenza con la quale il Tribunale aveva accolto parzialmente la domanda proposta da un assistito nei ...

Leggi tutto…
 Giovedi 14 Maggio 2020
Cessazione della convivenza: da quando decorre l'obbligo di mantenere il figlio naturale?
Di Anna Andreani.

La Corte di Cassazione, con l'ordinanza n. 8816 del 12 maggio 2020 chiarisce da quando comincia a decorrere l'obbligo di mantenere il figlio naturale da parte del genitore non affidatario nel caso in cui venga a cessare la coabitazione con l'altro genitore.

Il caso: In data 8 maggio 2009, E. C. , al termine della convivenza con U. C. proponeva ricorso avanti al Tribunale per i minorenni di Milano ...

Leggi tutto…
 Venerdi 10 Aprile 2020
Domanda giudiziale trascritta prima del pignoramento ma dopo l’iscrizione di ipoteca: effetti nei confronti dell’aggiudicatario
Di Fabio Olivieri.

Il caso In un primo momento viene iscritta ipoteca su un immobile a favore di un creditore. In un secondo momento, l’immobile ipotecato viene gravato da trascrizione di domanda giudiziale – ad esempio rivendica, simulazione, nullità/annullamento, ovvero esecuzione in forma specifica dell’obbligo di contrarre ex art. 2932 c. c. Etc. . In un terzo momento, il creditore ...

Leggi tutto…
 Lunedi 30 Dicembre 2019
Mancata riproposizione di una domanda al momento della precisazione delle conclusioni: conseguenze
Di Giovanni Iaria.

Con la sentenza n. 33767/2019, pubblicata il 19 dicembre 2019, la Corte di Cassazione si è nuovamente pronunciata sulle conseguenze derivanti dalla mancata riproposizione, in sede di precisazione delle conclusioni, di una domanda o di un’eccezione precedentemente formulate e più precisamente se la suddetta omissione deve essere considerata quale rinuncia o abbandono della domanda o ...

Decisione: Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili sentenza 13 giugno 2019, n. 15895.
 Venerdi 18 Ottobre 2019
Da quando si devono far decorrere gli interessi nell'indebito oggettivo?
Di David Cognolato.

Principio: fini del decorso degli interessi in ipotesi di ripetizione d'indebito oggettivo, il termine “domanda”, di cui all'art. 2033 c.c., non va inteso come riferito esclusivamente alla domanda giudiziale ma comprende, anche, gli atti stragiudiziali aventi valore di costituzione in mora, ai sensi dell'art. 1219 c.c.

Osservazioni: La questione riguardava la ripetizione di somme ...

Leggi tutto…
 Giovedi 29 Agosto 2019
Criteri per la liquidazione del compenso dell'avvocato in caso di transazione.
Di Giovanni Iaria.

Con l’ordinanza n. 20547/2019, pubblicata il 30 luglio 2019, la Corte di Cassazione si è pronunciata sulle modalità di determinazione del compenso professionale dell’avvocato nel caso in cui una causa di valore determinato venga transatta.

IL CASO: la vicenda prende spunto dal ricorso promosso da un avvocato che richiedeva il riconoscimento dei propri compensi professionali ...

Leggi tutto…
 Giovedi 27 Giugno 2019
Nel giudizio di opposizione il creditore opposto non deve formulare domanda di condanna nel merito.
Di Giovanni Iaria.

Con l’ordinanza n. 14486/2019, la Corte di Cassazione si è pronunciata in merito alla necessità o meno, nell’ambito del giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo, che il creditore opposto, ai fini del riconoscimento della pretesa creditoria, debba formulare espressa domanda di accertamento del credito o è sufficiente che richieda la conferma del decreto ...

Leggi tutto…
 Giovedi 30 Maggio 2019
Indennita’ di accompagnamento: irrilevante per la proponibilita’ della domanda la “spunta” sul certificato medico.
Di Luca Tortora.

L’Inps ha sostenuto che la domanda amministrativa al fine di ottenere l'indennità di accompagnamento non sia validamente proposta allorquando non risulta flaggata una delle due opzioni sul certificato medico on line relative alle condizioni sanitarie necessarie per ottenere la prestazione assistenziale; l'Istituto, in data 08. 03. 2019, ha provveduto ad inviare un documento di indirizzo ...

Leggi tutto…
 Mercoledi 29 Maggio 2019
Responsabilità civile: una domanda omnicomprensiva di danni non impedisce una successiva specificazione in corso di causa.
Di Anna Andreani.

La Corte di Cassazione con la sentenza n. 14363 del 27 maggio 2019 si pronuncia in merito alla possibilità per il danneggiato di specificare in corso di causa il danno patrimoniale, senza che ciò costituisca domanda nuova.

Il caso: F. D. conveniva avanti al Tribunale l'UCI e il sig. R. B. G, deducendo di essere stato vittima di un sinistro stradale, causato dalla condotta di guida del ...

Leggi tutto…
 Venerdi 10 Maggio 2019
Scioglimento della comunione ereditaria; la domanda giudiziale interrompe l'usucapione?
Di Giovanni Iaria.

La domanda giudiziale avente ad oggetto lo scioglimento della comunione ereditaria è atto idoneo ad interrompere l’usucapione? A questa domanda ha fornito la risposta la Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 11476/2019, pubblicata il 30 aprile scorso. Secondo i giudici di legittimità, l’usucapione è interrotto tutte le volte che nella domanda giudiziale di scioglimento della ...

 Mercoledi 24 Aprile 2019
Il coniuge assegnatario della casa coniugale nella separazione deve riproporre la domanda nel giudizio di divorzio
Di Giovanni Iaria.

Il coniuge assegnatario della casa coniugale in sede di separazione, al fine di mantenere il suo diritto dopo il giudizio di divorzio in presenza di figli maggiorenni non economicamente autosufficienti, ha l’onere di riproporre la domanda nel suddetto giudizio, pena la decadenza. Questo è quanto affermato dalla Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 10204/2019, pubblicata ...

Leggi tutto…
 Giovedi 24 Gennaio 2019
La Cassazione chiarisce la distinzione tra mutatio libelli ed emendatio libelli
Di Anna Andreani.

Con la sentenza n. 834/2019 la Corte di Cassazione torna ad occuparsi della distinzione tra mutatio libelli ed emendatio libelli, individuando i casi in cui ricorre l'uno o l'altro istituto.

Il caso: nell'ambito di una controversia tra un lavoratore di una società N. e due società subappaltatrici, la Corte di Appello, confermando la sentenza di primo grado, rigettava il ricorso; nel ...

Leggi tutto…
 Martedi 8 Gennaio 2019
Poteri del Giudice in caso di domande “frazionate” fondate su medesimo fatto costitutivo
Di Fulvio Graziotto.

Le domande aventi ad oggetto diversi e distinti diritti di credito, anche se relativi ad un medesimo rapporto di durata tra le parti, possono essere proposte in separati processi. Se i suddetti diritti di credito, sono anche inscrivibili nel medesimo ambito oggettivo di un possibile giudicato o comunque "fondati" sul medesimo fatto costitutivo, le relative domande possono essere proposte in ...

Leggi tutto…
 Venerdi 23 Novembre 2018
Domande nuove, preclusioni istruttorie e rimessione in termini: il punto della Cassazione
Di Fulvio Graziotto.

Decisione: Ordinanza n. 25631/2018 Cassazione Civile - Sezione VI.

Nei giudizi soggetti al rito del lavoro, costituisce implicita istanza di rimessione in termini il deposito, con le note conclusive, di documenti formati successivamente tanto alla domanda, quanto al maturare delle preclusioni istruttorie; il giudice deve valutare se ricorrano i presupposti di cui all'art. 153 c. p. c. , ed in caso ...

Leggi tutto…
 Mercoledi 6 Giugno 2018
L'ufficio può ridurre la domanda originaria in corso di causa
Di Fulvio Graziotto.

Decisione: Ordinanza n. 2262/2018 Cassazione Civile - Sezione V.

L'Amministrazione finanziaria che si avveda in corso di causa che una eccezione del contribuente è corretta e da accogliere, ha il potere - dovere di ridurre la domanda originaria e non per questo deve rinnovare l'intero procedimento amministrativo di accertamento. Massima: Poiché anche nel processo tributario le ...

Leggi tutto…
 Mercoledi 23 Maggio 2018
Decorrenza dell'assegno di mantenimento: dalla sentenza o dalla domanda?
Di Anna Andreani.

La Corte di Cassazione con l'ordinanza n. 10788 del 04 maggio 2018 si pronuncia in merito alla questione della decorrenza dell'assegno di mantenimento in favore dei figli. Il caso: In sede di separazione dei coniugi S. M. e P. P. il Tribunale determinava un contributo a carico del primo di Euro 300,00 mensili per il mantenimento di ciascuna delle due figlie della coppia, conviventi con la madre. ...

Leggi tutto…
 Martedi 15 Maggio 2018
Opposizioni, qualificazione dell'azione e computo dei termini per impugnare
Di Giovanni Iaria.

Ai fini di individuare il tipo di impugnazione di una decisione e determinare l’applicabilità o meno della sospensione feriale dei termini processuali, non si deve tener conto del rito che si sarebbe dovuto applicare ma della qualificazione che il giudice a quo ha dato all’azione proposta in giudizio. Questo è il principio ribadito dalla Corte di Cassazione con ...

Leggi tutto…
 Lunedi 15 Gennaio 2018
Cause avanti al GdP: spese giudiziali e criterio del limite di valore della domanda
Di Anna Andreani.

In tema di liquidazione delle spese giudiziali opera sempre il criterio del limite di valore della domanda? A tale quesito ha dato riscontro la Corte di Cassazione, con l'ordinanza n. 182 dell'8 gennaio 2018.

Il caso: La sig. ra M. L. proponeva opposizione avverso un'ordinanza ingiunzione avanti al Giudice di Pace di Lecco, che nel respingere il ricorso, disponeva tuttavia la riduzione della sanzione ...

Leggi tutto…

Pag. 1/2 << Inizio< Indietro > Avanti>> Fine

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.024 secondi