Niente assegno di divorzio se l'ex coniuge beneficiario spende anche in beni voluttuari.

A cura della Redazione.
Niente assegno di divorzio se l'ex coniuge beneficiario spende anche in beni voluttuari.

La Corte di Cassazione nell'ordinanza n. 1482 del 18 gennaio 2023, nel richiamare i principi espressi dalle Sezioni Unite in materia di diritto all'assegno divorzile e dei relativi presupposti, si pronuncia per la revoca dell'assegno precedentemente concesso all'ex coniuge che sostenga spese voluttarie.

Giovedi 2 Febbraio 2023

Il caso: Mevia  interponeva appello alla sentenza emessa dal Tribunale di Velletri che, dopo aver pronunciato la cessazione degli effetti civili del matrimonio, aveva posto a carico di Tizio l'obbligo di versare alla ex moglie, l'assegno divorzile di Euro 100 mensili e l'ulteriore somma di Euro 450 mensili per il contributo al mantenimento del figlio, maggiorenne, ma non ancora autonomo.

Tizio, dal canto suo, proponeva appello incidentale chiedendo che fosse revocato l'assegno divorzile e quello per il contributo al mantenimento del figlio.

La Corte di Appello rigettava l'appello principale e, in accoglimento di quello incidentale, revocava l'obbligo di Tizio del versamento dell'assegno divorzile e di quello per il contributo al mantenimento del figlio, con la seguente motivazione:

a) il figlio, diplomatosi all'istituto tecnico industriale, aveva abbandonato l'occupazione offertogli dal padre nella propria officina per andare a lavorare, sia pur saltuariamente, con il compagno della madre nel campo dell'edilizia;

b) Mevia disponeva di redditi provati dalle risultanze dei conti correnti e dalle spese, anche voluttuarie, sostenute nonche' dalla capacita' lavorativa dimostrata dal fatto che ella aveva letteralmente trasformato il proprio fisico dedicandosi ad una intensa e costante attivita' di body building.

Mevia ricorre in Cassazione, lamentando che il giudizio circa la sua indipendenza economica fosse frutto di una errata lettura delle risultanze del conto corrente e che il Tribunale non aveva tenuto conto del contributo dato dalla stessa Mevia alla vita familiare, alla ristrutturazione della casa coniugale, al pagamento del mutuo, delle spese sostenute per il contratto di locazione, delle sue condizioni di salute e della situazione reddituale dell'ex marito.

La Cassazione, nel ritenere inammissibile il motivo di impugnazione, in tema di assegno divorzile ribadisce quanto segue:

1)  secondo il parametro composito - assistenziale e perequativo compensativo -che e' stato oggetto dell'elaborazione interpretativa delle S.U., occorre verificare, in primo luogo, se il divorzio abbia prodotto, alla luce dell'esame comparativo delle condizioni economico patrimoniali delle parti, uno squilibrio effettivo e di non modesta entita';

2) solo ove tale disparita' sia accertata, e' necessario verificare se sia causalmente riconducibile in via esclusiva o prevalente alle scelte comuni di conduzione della vita familiare, alla definizione dei ruoli dei componenti la coppia coniugata, al sacrificio delle aspettative lavorative e professionali di uno dei coniugi;

3) la Corte distrettuale, con accertamento insindacabile, ha affermato non solo che Mevia al momento della dissoluzione del matrimonio, aveva la capacita' di dedicarsi all'attivita' lavorativa ma che la stessa, come si evince dalle risultanze del suo conto corrente e dalle spese sostenute anche voluttuarie, disponesse di redditi idonei a renderla economicamente autonoma ed in grado di sostenere i costi dell'abitazione presa in locazione.

Allegato:

Cassazione civile ordinanza n.1482 2023

Vota l'articolo:
0 / 5 (0voti)

Iscriviti gratis alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.036 secondi