Necessaria l'unanimità di tutti i condomini per la rimozione di una siepe su area condominiale

A cura della Redazione.
Necessaria l'unanimità di tutti i condomini per la rimozione di una siepe su area condominiale

E' nulla la delibera condominiale che approva a maggioranza la rimozione di una siepe situata in area condominiale.

In tal senso ha deciso il Tribunale di Tivoli con la sentenza n. 1513 del 2 novembre 2022.

Lunedi 14 Novembre 2022

Il caso: Mevia, nel chiedere la nullità e/o annullamento di una delibera condominiale, deduceva che:

- di essere proprietaria di una villa facente parte del condominio convenuto;

- l'assemblea condominiale convocata in data 17.1.2019 aveva deliberato positivamente per la rimozione, per ragioni di sicurezza, di una siepe situata nella zona inferiore del condominio, di fronte ad alcune ville, tra le quali la sua;

- di essersi già in precedenza opposta a tale ipotizzato lavoro evidenziando il grave pericolo che sarebbe derivato dalla suddetta rimozione (abbassamento livello terreno, importante fuoriuscita di acqua, difficoltà di drenaggio della stessa, cedimento terreno, ecc);

-  riguardando l'eliminazione di un bene comune, avrebbe dovuto essere assunta all'unanimità.

Si costituiva il Condominio, il quale, nel chiedere il rigetto della domanda, eccepiva, tra l'altro, che:

- l'abbattimento della siepe non poteva essere considerata come innovazione ai sensi dell'art. 1120 c.c.

- in ogni caso, la delibera era stata adottata con la maggioranza qualificata di cui al quinto comma dell'art. 1136 c.c. che consente di disporre ogni innovazione diretta al miglioramento o all'uso più comodo dei beni comuni.

Per il Tribunale la domanda deve essere accolta, sulla base della seguente motivazione:

a)  la Corte d'Appello di Roma con sentenza 478/2008,ha avuto modo di affermare che: "L'abbattimento di alberi, comportando la distruzione di un bene comune, deve considerarsi un'innovazione vietata e, in quanto tale, richiede l'unanime consenso di tutti i partecipanti al condominio; né può ritenersi che la delibera di approvazione, a maggioranza, della spesa relativa all'abbattimento, possa costituire valida ratifica dell'opera fatta eseguire di propria iniziativa dall'amministratore";

b)  va quindi preliminarmente verificato se all'abbattimento dell'albero di cui si parla nella suddetta sentenza possa essere validamente assimilato l'abbattimento della siepe, elementi, entrambi, certamente rientranti nella categoria delle cose comuni di cui all'art. 1117 c.c.;

c) si ritiene che tale assimilazione sia possibile, non rinvenendosi alcun motivo di regolamentare in modo diverso il destino di beni che, sia pur nella diversità di funzioni e di incidenza rispetto alle proprietà dei singoli, debbono incontestabilmente considerarsi comuni a tutti i condomini.

Allegato:

Tribunale Tivoli sentenza n.1513 2022

Vota l'articolo:
3 / 5 (1voto)

Iscriviti gratis alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.095 secondi