Avvocati: il disconoscimento pubblico del compenso non rileva se l'attivita' e' stata utile

Avvocati: il disconoscimento pubblico del compenso non rileva se l'attivita' e' stata utile
Lunedi 15 Gennaio 2018

Quando si verte su diritti soggettivi costituitasi per rapporto convenzionale del professionista con una pubblica amministrazione, non spiega alcun effetto il disconoscimento dell’importo dovuto da parte dell’ente, il quale primariamente attiene alla sfera esclusivamente amministrativistica – e della ripartizione delle responsabilità all’interno dell’ente - dei rapporti di debito contratti dalla pubblica amministrazione.

Ben può il giudice ordinario disattendere le determinazioni pubbliche (v. all. E dell’art. 5 della legge n. 2248/1865), quando risulta comunque provata l’utilitas all’ente per la prestazione resa, nell’ottica di tendenziale equiparazione, agli effetti civili, dell’ente pubblico a qualsivoglia altro centro di interessi privatistico (Ss.Uu. n. 10798/2015), per ciò obbligato a corrispondere in ogni caso il dovuto del compenso professionale.

Allegato:

GdP Fermo sentenza del 20/12/2017

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall' Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.022 secondi