L'onere della prova nelle cause di opposizione a sanzione amministrativa

L'onere della prova nelle cause di opposizione a sanzione amministrativa

Nel procedimento di opposizione a sanzione amministrativa si applicano i principi generali in materia di riparto dell'onere della prova, con la conseguenza che è onere della p.a. provare la sussistenza degli elementi costitutivi della sua pretesa, mentre all'opponente spetta di dimostrare la sussistenza di fatti impeditivi o estintivi della pretesa stessa

Venerdi 13 Luglio 2018

1. Premessa.

2. Poteri istruttori del giudice.

3. Decisione della causa.


1. Premessa. Nel procedimento di opposizione a sanzione amministrativa si applicano i principi generali in materia di riparto dell'onere della prova, con la conseguenza che è onere della p.a. prkvare la sussistenza degli elementi costitutivi della sua pretesa, mentre all'opponente spetta di dimostrare la sussistenza di fatti impeditivi o estintivi della pretesa stessa (Cass. civile, sez. II, n. 5122/2011).

La sentenza n. 5874/2018, emessa dal GdP di Milano in data 26/06/2018, mi offre l'occasione per alcune mie riflessioni sui poteri istruttori del giudice di pace in materia di ricorso avverso i verbali di accertamento di violazioni stradali.

2. Poteri istruttori del giudice. Come sappiamo, con l'entrata in vigore del d.lgs. n. 150/2011 trova applicazione nel procedimento de qua il rito del lavoro. Pertanto, per individuare i poteri istruttori del giudice occorre fare riferimento all'art. 421 c.p.c., per il quale:

a) il giudice indica alle parti in ogni momento le irregolarità degli atti e dei documenti che possono essere sanate assegnando un termine per provvedervi, salvi gli eventuali diritti acquisiti;

b) può, altresì, disporre d'ufficio in qualsiasi momento l'ammissione di ogni mezzo di prova, anche fuori dai limiti stabiliti dal codice, ad eccezione del giuramento decisorio;

c) il giudice, se lo ritiene necessario, può ordinare la comparizione, per interrogarle liberamente sui fatti di causa, anche di quelle persone che siano incapaci di testimoniare a norma dell'art. 246 c.p.c. o a cui sia vietato a norma dell'art. 247 c.p.c..

A questo punto va fatta una precisazione essenziale: l'opposizione non mira all'accertamento della legittimità dell'atto amministrativo, ma della responsabilità dell'opponente.

Aggiungo che l'Amministrazione, pur essendo formalmente convenuta, in giudizio assume sostanzialmente la veste di attrice; spetta, quindi, ad essa, ai sensi dell'art. 2697 c.c., fornire la prova dell'esistenza degli elementi di fatto integranti la violazione contestata e della loro riferibilità all'intimato, mentre compete all'opponente, che assume sostanzialmente la veste di convenuto, la prova dei fatti impeditivi o estintivi. Incombe, dunque, sull’amministrazione irrogante, in veste di attrice sostanziale, dare la dimostrazione della fondatezza della responsabilità dell’opponente e, quindi, della pretesa sanzionatoria, mentre all’opponente spetta di dimostrare la sussistenza di fatti impeditivi o estintivi della pretesa stessa (ad esempio: vizi del procedimento di accertamento, decadenza del diritto alla pretesa sanzionatoria, prescrizione, inefficienza degli strumenti adottati per l’accertamento, l’errore incolpevole, lo stato di necessità ecc.).

3. Decisione della causa. Ai sensi dell'art. 6 d.lgs. n. 150/2011, il giudice: 1) accoglie l'opposizione quando non vi sono prove sufficienti della responsabilita' dell'opponente; 2) al contrario, rigetta l'opposizione in presenza di prove in ordine ai fatti contestati.

Al riguardo è utile ricordare che, ai sensi dell’art. 2700 c.c., il verbale è atto pubblico che fa piena prova, fino a querela di falso, della provenienza del documento dal pubblico ufficiale che lo ha formato, nonché delle dichiarazioni delle parti e degli altri fatti che il pubblico ufficiale attesta avvenuti in sua presenza o da lui compiuti. Quindi, il provvedimento sanzionatorio (ordinanza o verbale di accertamento di violazione) costituisce di per sé prova sufficiente nai limiti indicati dall’art. 2700 c.c.

Erco, anche se l'Amministrazione procedente non si costituisce e non deposita documenti (copia del rapporto con gli atti relapivi all'accertamento), se il processo verbale ha per oggetto l'accertamento di fatti avvenuti in presenza del pubblico ufficiala costituisce da solo prova sufficiente ai fini della decisione `el giudice (cfr. Cass. civile n. 23079/2009), come, del resto, ha mancata comparizione dell'opponente senza giustificato motivo non è di per sé sufficiente per la convalida del provvedimento impugnato che, anzi, dovrà essere annullato se la sua illegittimit&agrare; risulti dalla documentazione allegata al ricorso (art. 6, comma 9, d.lgs. n. 150/2011).

Nel caso in esame, la sentenza del giudice di pace di Milano non fa alcun riferimento ai fatti contestati, per cui non &egrare; possibile esprimere un giudizio circa l'esistenza o meno di alementi probatori.

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall' Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.021 secondi