La Cassazione sulla validità di un accordo patrimoniale tra coniugi per email

La Cassazione sulla validità di un accordo patrimoniale tra coniugi per email

Con l'ordinanza n. 13366 del 15 maggio 2024 la Corte di Cassazione si pronuncia in merito alla ammissibilità e validità di un accordo patrimoniale tra coniugi concluso anche prima della separazione avente ad oggetto la ripartizione delle spese quotidiane familiari.

Martedi 21 Maggio 2024

Il caso:il giudice di pace di Roma rigettava la domanda proposta da Tizio nei confronti di Mevia per il pagamento della somma di euro 2.557,87 a titolo di rimborso della quota delle spese sostenute nell'interesse della famiglia, sul presupposto che dovesse essere riconosciuta piena validità giuridica all'accordo di ripartizione di esse concluso tra i coniugi, anche anteriormente alla separazione.

Il GdP rigettava la domanda sul presupposto che le spese di cui ciascun coniuge si era fatto carico nel periodo di convivenza coniugale rientrassero tra quelle effettuate per i bisogni della famiglia.

La sentenza veniva confermata dal Tribunale, che, nel rigettare l'appello proposto da Tizio, rilevava che

  • le spese in questione - relative alla gestione della casa familiare di sua esclusiva proprietà, nella quale aveva abitato fino alla separazione - erano state sostenute prima della separazione tra i coniugi, nell'ambito della convivenza coniugale per i bisogni della famiglia, ex art. 143 c.c.;

  • pertanto esse non erano ripartibili pro-quota, anche considerando che si trattava di obbligazione assimilabile a quella naturale; a tal fine erano irrilevanti gli accordi tra coniugi in sede di separazione.

Tizio ricorre in Cassazione, deducendo violazione degli artt. 143, 1218, 1322, 1372, 1375, 2034 c.c., per aver il Tribunale ritenuto che lo scambio di e-mail tra le parti fosse funzionale a realizzare l'accordo diretto all'organizzazione delle spese quotidiane, non qualificandolo invece quale accordo vincolante sulla suddivisione delle spese, come sarebbe stato desumibile dal tenore delle dichiarazioni adottate dalle parti.

Per la Corte il ricorso è fondato: sul punto precisa quanto segue:

a)  i coniugi possono concordare, con il limite del rispetto dei diritti indisponibili, non solo gli aspetti patrimoniali, ma anche quelli personali della vita familiare, quali, in particolare, l'affidamento dei figli e le modalità di visita dei genitori;

b) nel caso in esame, il Tribunale ha erroneamente escluso che lo scambio di e-mail tra i coniugi potesse configurare un valido accordo negoziale relativo alla separazione, poiché mera organizzazione delle spese familiari quotidiane: in realtà esiste un accordo tra i coniugi, raggiunto con le email esaminate dai giudici di merito, e riguardante inequivocabilmente la ripartizione delle spese tra i detti coniugi, nel periodo da marzo a settembre 2018 (anteriormente alla separazione) prevedendo, in particolare, la suddivisione delle spese dell'abitazione e del mantenimento del figlio minore nelle proporzioni del 60%, a carico del marito e del 40% a carico della moglie;

c) è principio acquisito che durante il matrimonio ciascun coniuge è tenuto a contribuire alle esigenze della famiglia in misura proporzionale alle proprie sostanze, secondo quanto previsto dagli artt. 143 e 316-bis, primo comma, c.c., e che a seguito della separazione non sussiste il diritto al rimborso di un coniuge nei confronti dell'altro per le spese sostenute in modo indifferenziato per i bisogni della famiglia durante il matrimonio;

d) il suddetto principio però  è suscettibile di deroga tramite un accordo negoziale tra le stesse parti (che può meglio rispecchiare le singole capacità economiche di ciascun coniuge o modulare forme di generosità spontanea tra i coniugi) che è comunque finalizzato al soddisfacimento delle primarie esigenze familiari e dei figli, nel rispetto dei doveri solidaristici che trovano la loro fonte nel rapporto matrimoniale.

Allegato:

Cassazione civile ordinanza 13366 2024

Vota l'articolo:
0 / 5 (0voti)

Iscriviti gratis alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.04 secondi