Procura alle liti con firma illeggibile: conseguenze
Procura alle liti con firma illeggibile: conseguenze

La Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 16005/2017, pubblicata il 27 giugno 2017, si è occupata nuovamente della questione relativa alla validità o meno della procura alle liti qualora la firma apposta  dal conferente in calce o  a margine dell’atto o in calce alla stessa è illeggibile.

Lunedi 24 Luglio 2017

I Giudici di Piazza Cavour, con la suddetta ordinanza, hanno confermato il proprio orientamento statuendo che l’illeggibilità della firma non è causa d’invalidità della procura tutte le volte in cui l’identità e la carica del conferente, qualora trattasi di società, siano desumibili o dalla procura stessa o dal contesto dell’atto. 

Il  CASO:  Il Giudice di Pace rigettava la domanda proposta da una società nei confronti di un Condominio per nullità della procura alle liti in quanto la firma del soggetto conferente la procura era illeggibile. Nell’atto di citazione erano stati indicati  sia il nome del legale rappresentante della società attrice sia la sua carica di amministratore unico della stessa. La sentenza del Giudice di Pace veniva confermata anche dal Tribunale in sede di appello,  il quale osservava che oltre all’illeggibilità della firma, all’interno della procura mancava l’indicazione del nominativo del soggetto conferente e la relativa carica e nessuna rilevanza poteva essere attribuita al  fatto che le suddette indicazioni fossero contenute nel corpo dell’atto. Avverso la decisione del Tribunale proponeva ricorso per Cassazione la società. 

LA DECISIONE:  Gli Ermellini, con l’ordinanza in commento, hanno osservato  che:

1.l’illeggibilità della firma del conferente la procura alle liti, apposta in calce o a margine dell’atto con il quale sta in giudizio una società, che sia stata esattamente indicata con la sua denominazione, è irrilevante e ciò non soltanto quando il nome del sottoscrittore risulti dal testo della  procura stessa, dalla certificazione d’autografia resa dal difensore o dal testo dell’atto, ma anche quando detto nome sia con certezza  desumibile dall’indicazione di una specifica funzione o carica, che ne  renda identificabile il titolare per il tramite dei documenti di causa o delle risultanze del registro delle imprese;

2. in assenza di  tali condizioni, ed inoltre tutte le volte in cui non si  fa menzione di alcuna funzione o carica specifica, ma si indica  genericamente la qualità di  “legale  rappresentante” si determina una nullità relativa;

3. la suddetta nullità può essere opposta, a norma dell’art. 157 c.p.c., dalla controparte con la prima difesa. In questo caso la parte istante ha l’onere di procedere, con la prima replica, all’integrazione della lacunosità  dell’atto iniziale mediante chiara e non più rettificabile notizia del nome dell’autore della firma illeggibile; 

4. l’invalidità della procura e l’inammissibilità dell’atto cui la stessa accede si verifica qualora la suddetta integrazione sia inadeguata o tardiva.

Pertanto sulla scorta delle suddette osservazioni, la Corte di Cassazione, poiché nell’atto di citazione notificato dalla società erano  stati indicati  sia il nome del legale rappresentante di quest’ultima sia la carica di amministratore unico, ha:

1.ritenuto irrilevante che nella procura apposta a margine dell’atto non fossero ripetuti i suddetti elementi identificativi e la firma non risultasse leggibile;

2. accolto il ricorso e cassato la sentenza impugnata con rinvio al Tribunale per l’esame del merito della domanda proposta originariamente dalla società nei confronti del condominio.

Allegato:

Cass. civile Sez. VI - 2, Ordinanza del 27/06/2017 n.16005

Vota l'articolo:
0 / 5 (0voti)

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall' Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451 - Polizza Generali: 271920590
Pagina generata in 0.029 secondi