Opposizione all'esecuzione e opposizione agli atti esecutivi: i mezzi di impugnazione esperibili.

A cura della Redazione.
Opposizione all'esecuzione e opposizione agli atti esecutivi: i mezzi di impugnazione esperibili.

Con l'ordinanza n. 18214/2023 la Corte di Cassazione chiarisce quale mezzo di impugnazione debba essere esperito nel caso il cui il giudice di primo grado qualifichi il ricorso come opposizione agli atti esecutivi .

Giovedi 6 Luglio 2023

Il caso: Tizio impugnava l’intimazione di pagamento notificatagli per mancato pagamento di sanzione amministrativa, eccependo l’intervenuta prescrizione del credito, in difetto di atti interruttivi, e l’omessa notifica dell’ordinanza prefettizia sottesa alla pretesa erariale.

Si costituivano la Prefettura, che eccepiva l’inammissibilità dell’opposizione, e l’Agenzia delle Entrate e Riscossione, che contestava l’eccezione di prescrizione, producendo gli avvisi di ricevimento delle raccomandate a mezzo delle quali era stata effettuata la notifica.

Il Giudice di Pace dichiarava inammissibile il ricorso, qualificandolo come opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 cod. proc. civ.; Tizio proponeva appello avanti al Tribunale, che, qualificata la domanda come opposizione ex art. 615 cod. proc. civ., la riteneva comunque non meritevole di accoglimento, disattendendo l’eccezione di prescrizione e rigettando, perché tardiva, la doglianza concernente la mancata notifica dell’ordinanza prefettizia.

Tizio ricorre in Cassazione, che preliminarmente rileva la inammissibilità dell'appello deducendo che:

a) l’identificazione del mezzo esperibile contro un provvedimento giurisdizionale deve essere fatta in base al principio dell’apparenza, e cioè con riferimento esclusivo alla qualificazione effettuata dal giudice a quo, sia essa corretta o meno, ed a prescindere dalla qualificazione che ne abbiano dato le parti;

b) pertanto, solo ove si ritenga che il giudice a quo non abbia esercitato il potere di qualificazione, esso può essere legittimamente esercitato dal giudice ad quem, e ciò non solo ai fini del merito, ma anche dell’ammissibilità stessa dell’impugnazione;

c) di conseguenza, nel caso di sentenza emessa in sede di opposizioni esecutive, la medesima è impugnabile con appello se l’azione è stata qualificata come opposizione all’esecuzione, mentre è esperibile il ricorso per cassazione qualora l’azione sia stata definita come opposizione agli atti esecutivi;

d) nel caso in esame, il giudice a quo ha qualificato l’azione proposta come opposizione agli atti esecutivi, cosicché avverso la sentenza di primo grado avrebbe potuto essere proposto il ricorso per cassazione, e non l’appello, che deve, pertanto, essere dichiarato inammissibile.

Allegato:

Cassazione civile ordinanza 18214 2023

Risorse correlate:

Vota l'articolo:
5 / 5 (1voto)

Iscriviti gratis alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.032 secondi