Decreto Ristori: le attività beneficiarie del credito d'imposta per i canoni di locazione

dott. Luca De Franciscis.
Decreto Ristori: le attività beneficiarie del credito d'imposta per i canoni di locazione

Il nuovo Decreto-Legge del 28/10/2020, n. 137, soprannominato “Decreto Ristori”, prevede misure di aiuto per sostenere le imprese maggiormente in difficoltà, a causa delle nuove restrizioni, previste dall’ultimo DPCM del 24 ottobre 2020, per contenere aumenti di contagi da coronavirus.

Martedi 3 Novembre 2020

Le nuove misure di aiuto, presente nel decreto, sono sicuramente tutte apprezzabili.

Viene disposto l’elargizione di un contributo a fondo perduto, una nuova indennità Covid da corrispondere una tantum per stagionali e lavoratori dello spettacolo, blocco per la seconda rata IMU, rinnovo reddito di emergenza ed anche l’allungamento del credito d’imposta per i canoni di locazione pagati per i mesi di ottobre, novembre e dicembre 2020, quali aiuti di Stato a sostegno dell'economia nell'attuale emergenza del COVID-19, e successive modifiche.

Su quest’ultimo argomento diamo brevi anticipazioni.

Il decreto è entrato in vigore il 29 ottobre scorso e si applica da subito, per i canoni regolarmente pagati dai titolari di partita IVA. Per quelli non ancora pagati il credito si applicherà dal mese successivo a quello del pagamento. Chiarimento presente anche nella circolare n. 14 del 6/6/2020.

Nello specifico (il riferimento è all’art. 8 del Decreto Ristori) viene riconosciuto un credito d’imposta nella misura del 60% per gli immobili a uso non abitativo e del 30% nel caso di affitto d’azienda.

Nella tabella allegata al nuovo Decreto Legge n. 137/2020, vengono elencate le attività beneficiarie del credito d’imposta, con indicazione del codice ATECO (Allegato 1).

È stato eliminato il limite dei 5 milioni di euro, previsto dal precedente decreto, per cui potranno accedervi anche coloro che hanno ricavi o compensi superiori a detto limite.

Il comma 2 dell’art. 8, del nuovo decreto, precisa che si applicano, in quanto compatibili, le disposizioni di cui al precedente del decreto-legge 19/05/2020 n. 34, articolo 28, che trattava lo stesso argomento, per cui possono ritenersi inclusi:

1) i soggetti in regime forfetario di cui all’articolo 1, commi 54 e seguenti della legge n. 190 del 2014;

2) le imprese agricole, con codice ATECO n. 552052 “Attività di alloggio connesse alle aziende agricole” e codice n. 561012 “Attività di ristorazione connesse alle aziende agricole. (v. allegato 1).

Per quanto riguarda la modalità di utilizzo del credito, va ricordato che può essere utilizzato – dopo aver pagato i canoni – in compensazione con il Modello F 24 con codice tributo “6920”, oppure portato a credito nella dichiarazione dei redditi per l’anno 2020, ceduto al locatore o, ancora, ceduto ad altri soggetti, compresi istituti di credito e altri intermediari finanziari, con facoltà di successiva cessione del credito.

Si ricorda, inoltre, come già previsto dal precedente decreto, che non sono inclusi tra i soggetti che possono fruire del credito in esame, coloro che svolgono attività commerciali non esercitate abitualmente o attività di lavoro autonomo non esercitate abitualmente, producendo conseguentemente redditi diversi, ai sensi dell’articolo 67, comma 1, lettere i) e l), del TUIR.

Di seguito si riporta il testo del citato art. 8 del recente Decreto-Legge del 28/10/2020, n. 137 intitolato “Credito d'imposta per i canoni di locazione degli immobili a uso non abitativo e affitto d'azienda” e a seguire l’Allegato 1 al Decreto.

Per le imprese operanti nei settori riportati nella tabella di cui all'Allegato 1 al presente decreto, indipendentemente dal volume di ricavi e compensi registrato nel periodo d'imposta precedente, il credito d'imposta per i canoni di locazione degli immobili a uso non abitativo e affitto d'azienda di cui all'articolo 28 del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 luglio 2020, n. 77, spetta altresì con riferimento a ciascuno dei mesi di ottobre, novembre e dicembre”.

Allegato 1 al Decreto-Legge.

CODICE ATECO

493210 – Trasporto con taxi

493220 – Trasporto mediante noleggio di autovetture da rimessa con conducente

493901 – Gestioni di funicolari, ski-lift e seggiovie se non facenti parte dei sistemi di transito urbano o sub-urbano

551000 – Alberghi

552010 – Villaggi turistici

552020 – Ostelli della gioventù

552030 – Rifugi di montagna

552040 – Colonie marine e montane

552051 – Affittacamere per brevi soggiorni, case e appartamenti per vacanze, bed and breakfast, residence

552052 – Attività di alloggio connesse alle aziende agricole

553000 – Aree di campeggio e aree attrezzate per camper e roulotte

559020 – Alloggi per studenti e lavoratori con servizi accessori di tipo alberghiero

561011 – Ristorazione con somministrazione

561012 – Attività di ristorazione connesse alle aziende agricole

561030 – Gelaterie e pasticcerie

561041 – Gelaterie e pasticcerie ambulanti

561042 – Ristorazione ambulante

561050 – Ristorazione su treni e navi

562100 – Catering per eventi, banqueting

563000 – Bar e altri esercizi simili senza cucina

591300 – Attività di distribuzione cinematografica, di video e di programmi televisivi

591400 – Attività di proiezione cinematografica

749094 – Agenzie ed agenti o procuratori per lo spettacolo e lo sport

773994 – Noleggio di strutture ed attrezzature per manifestazioni spettacoli: impianti luce ed audio senza operatore, palchi, stand ed addobbi luminosi

799011 – Servizi di biglietteria per eventi teatrali, sportivi ed altri eventi ricreativi e d’intrattenimento

799019 – Altri servizi di prenotazione e altre attività di assistenza turistica non svolte dalle agenzie di viaggio nca (non codificato altrove)

799020 – Attività delle guide e degli accompagnatori turistici

823000 - Organizzazione di convegni e fiere

855209 – Altra formazione culturale

900101 – Attività nel campo della recitazione

900109 – Altre rappresentazioni artistiche

900201 – Noleggio con operatore di strutture ed attrezzature per manifestazioni e spettacoli

900209 – Altre attività di supporto alle rappresentazioni artistiche

900309 – Altre creazioni artistiche e letterarie

900400 - Gestione di teatri, sale da concerto e altre strutture artistiche

920009 – Altre attività connesse con le lotterie e le scommesse (comprende le sale bingo)

931110 – Gestione di stadi

931120 – Gestione di piscine

931130 – Gestione di impianti sportivi polivalenti

931190 – Gestione di altri impianti sportivi nca (non codificato altrove)

931200 – Attività di club sportivi

931300 – Gestione di palestre

931910 – Enti e organizzazioni sportive, promozione di eventi sportivi

931999 – Altre attività sportive nca (non codificato altrove)

932100 – Parchi di divertimento e parchi tematici

932910 – Discoteche, sale da ballo night-club e simili

932930 – Sale giochi e biliardi

932990 – Altre attività di intrattenimento e di divertimento nca (non codificato altrove)

949920– Attività di organizzazioni che perseguono fini culturali, ricreativi e la coltivazione di hobby

949990 – Attività di altre organizzazioni associative nca (non codificato altrove)

960410 – Servizi di centri per il benessere fisico (esclusi gli stabilimenti termali)

960420 – Stabilimenti termali

960905 – Organizzazione di feste e cerimonie

Per leggere altre importanti misure di aiuti si rinvia al Decreto-Legge del 28/10/2020, n. 137.

Per le attinenze al credito d'imposta per i canoni di locazione degli immobili a uso non abitativo e affitto d'azienda, previsti dall’art. 28 del precedente decreto legge 19 maggio 2020, n. 34, si rinvia alla circolare n. 14/E del 6 giugno 2020.

Luca De Franciscis

dottore commercialista

Leggi anche:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall' Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.024 secondi