Cassazione: la disoccupazione non esclude il reato di omissione dei mezzi di sussistenza ex art. 570 c.p.

Cassazione penale: sentenza n. 33378 del 13/08/2013.
Cassazione: la disoccupazione non esclude il reato di omissione dei mezzi di sussistenza ex art. 570 c.p.
Martedi 10 Settembre 2013

La Corte di Cassazione, Sez. Feriale Penale, con la sentenza n. 33378 del 01/08/2013 ha statuito un principio molto importante, e cioè la irrilevanza dello stato formale di disoccupazione sull'obbligo di ciascun genitore a provvedere al mantenimento dei figli, con conseguente sussistenza del reato di violazione degli obblighi di assistenza familiare prevista dall'art. 570 c.p.

Più in particolare, la Corte ha precisato che per evitare di incorrere nel reato de quo, non è sufficiente che il genitore obbligato esibisca la documentazione attestante lo stato formale di disoccupato, ma, laddove tale situazione perduri da anni, è necessario che l'obbligato adduca una inabilità lavorativa o dimostri una incapacità oggettiva ad adempiere, consistente in una situazione incolpevole di assoluta indisponibilità di entrate sufficienti a soddisfare le esigenze minime di vita degli aventi diritto, e al tempo stesso fornisca elementi sulla sua capacità di sopravvivenza in tale lungo periodo.

Inoltre la Suprema Corte ribadisce un principio di diritto ormai consolidato nella giurisprudenza di legittimità e di merito, in base al quale non esclude il reato la circostanza che al mantenimento del minore provveda l'altro genitore, anche con l'aiuto di altri parenti o congiunti, in quanto, specifica la Corte, lo stato di bisogno del minore è oggettivo e presunto, stante la sua assoluta incapacità a produrre reddito.

 

Leggi il testo integrale della sentenza.

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.075 secondi