Affidamento figli di conviventi: impugnabilitą dei provvedimenti del giudice di appello

Affidamento figli di conviventi: impugnabilitą dei provvedimenti del giudice di appello
Giovedi 3 Settembre 2015

In un procedimento tra T e.L., relativo all'affidamento di figli di genitori non coniugati, il Tribunale per i Minorenni disponeva l'affidamento condiviso di una minore, con collocamento presso la madre, e poneva a carico del padre un contributo di mantenimento della figlia, per l'importo di €. 450,00 mensili.

La Corte di Appello confermava il provvedimento, avverso il quale il padre propone ricorso per Cassazione in punto assegno.

La Corte di Cassazione, con l'ordinanza n. 16296 del 3 agosto 2015 nel respingere il ricorso del padre, ribadisce i seguenti principi in materia processuale ed in merito alla quantificazione dell'assegno di mantenimento:

  1. Per giurisprudenza consolidata, il provvedimento della Corte di Appello, relativo all'affidamento e al mantenimento di figli di genitori non coniugati, è suscettibile di ricorso per cassazione, tanto più dopo la recente riforma della disciplina della filiazione ( L. 219/12 e D.Lgs. 154/13).

  2. In merito al contestato importo dell'assegno di mantenimento, per la Cassazione il giudice di appello ha correttamente motivato il proprio provvedimento, non condividendo le censure del ricorrente per i seguenti rilievi:

    - Per giurisprudenza consolidata il genitore ha l'obbligo di procurarsi i mezzi di mantenimento dei figli;

    - gli studi universitari, per i giudici, non possono esonerare il genitore dal suddetto obbligo;

    - l'odierno ricorrente non solo è proprietario di un immobile e di un automobile Audi A3, ma può usufruire di sensibili aiuti da parte dei familiari dotati di buona posizione economica; del resto gli ascendenti sono tenuti, ai sensi degli artt. 148 e – oggi – 316 bis c.c. a fornire provvista al genitore che non abbia redditi sufficienti, per il mantenimento dei nipoti; il ricorrente può dunque provvedere al mentenimento del figlio, alienando beni o utilizzando gli aiuti dei parenti.

Leggi l'ordinanza n. 16296

 

Vota l'articolo:
0 / 5 (0voti)

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall' Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.019 secondi