Valida la multa elevata dal vigile fuori servizio?

Valida la multa elevata dal vigile fuori servizio?
Lunedi 4 Febbraio 2019

Con l’ordinanza n. 2748/2019, depositata in data 30 gennaio 2019, la Corte di Cassazione si è pronunciata sulla validità o meno della multa elevata da un vigile fuori servizio e sulla competenza territoriale della Polizia Municipale, affermando che:

  1. è illegittima la multa elevata dal vigile fuori dall’orario di servizio;

  2. la competenza è circoscritta nell’ambito territoriale dell’ente di appartenenza.

IL CASO: Nel caso approdato all’esame dei Supremi Giudici della Corte di Cassazione, un automobilista proponeva opposizione avverso un verbale della Polizia Municipale con il quale gli era stata contestata la violazione dell’articolo 148 del Codice della Strada per aver effettuato un sorpasso ad una velocità non adeguata in prossimità di un’intersezione. Secondo l’automobilista, il verbale era illegittimo in quanto elevato dal Comandante della Polizia Municipale che era fuori servizio ed era vestito con abiti civili.

Il ricorso veniva rigettato dal Giudice di Pace e la sentenza di prime cure veniva confermata dal Tribunale in sede di appello promosso dall’automobilista.

Pertanto, quest’ultimo, rimasto soccombente in entrambi i gradi di giudizio, interponeva ricorso per Cassazione deducendo, fra l’altro, la violazione dell’articolo 57, secondo comma, lettera b), c.p.p e agli articoli 5, primo comma, lettera a), e 4, n.1) della legge n. 65/1986.

LA DECISIONE: Con la decisione in commento, sulla scorta del suddetto principio di diritto, gli Ermellini hanno ritenuto fondato il motivo del ricorso e nell’accoglierlo, con rinvio della causa al Tribunale, in persona di altro magistrato, hanno evidenziato che, mentre gli appartenenti alla Polizia di Stato, ai Carabinieri e alla Guardia di Finanza operano su tutto il territorio nazionale e sono sempre in servizio, al contrario gli appartenenti alla polizia municipale, ai sensi dell’articolo 57 codice procedura penale e 5 della legge 3 luglio 1986 n. 65, hanno la qualifica di agenti di polizia giudiziaria soltanto nel territorio di appartenenza e limitatamente al tempo in cui sono in servizio.

Pertanto, possono accertare tulle le violazione in materia d sanzioni amministrative, ivi comprese quelle relative alla violazione al codice della strada, purchè si trovino nell’ambito territoriale dell’ente di appartenenza e alla condizione che siano effettivamente in servizio.

Allegato:

Cassazione civile ordinanza n.2748/2019

Vota l'articolo:
0 / 5 (0voti)

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall' Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.068 secondi