In tema di usura, l’operazione negoziale va individuata ed interpretata in modo sostanziale.

In tema di usura, l’operazione negoziale va individuata ed interpretata in modo sostanziale.
Lunedi 18 Gennaio 2021

Tribunale di Benevento, con la sentenza resa lo scorso 9 dicembre 2020, ribadisce il seguente principio: l’individuazione della tipologia di operazione bancaria necessaria ai fini della determinazione del tasso soglia usurario ex L. 108/1996, va effettuata non sulla base del nomen iuris formalmente attribuito dalle parti al contratto, ma piuttosto in base alla effettiva natura sostanziale dell’operazione bancaria.

Invero, nell’interpretazione dell’accordo negoziale si deve indagare sulla comune intenzione delle parti e non limitarsi al senso letterale delle parole.

Per determinare la comune intenzione pattizia, si deve valutare il loro comportamento complessivo e concreto, anche posteriore alla conclusione del contratto.

Se tali principi sovraintendono all’individuazione degli effetti del contratto tra le parti, a maggior ragione devono trovare applicazione quando assume rilievo l’applicazione di norme inderogabili, costituenti norme di ordine pubblico, quali quelle di cui alla legge 108/1996 sull’usura, che prevedono importanti norme sanzionatorie penali e civili (art. 644 c.p. e art. 1815 comma 2 c.c.).

Avv. Andrea Ravelli
dottore di ricerca in diritto privato
e delle nuove tecnologie

Allegato:

Tribunale Benevento sentenza 9 dicembre 2020

Risorse correlate:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall' Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.094 secondi