Tribunale Verona Sez. III, Ordinanza 23-12-2015

Venerdi 19 Febbraio 2016
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

 Procedimento civile

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Tribunale Ordinario di Verona

TERZA SEZIONE CIVILE

Il giudice dott. Massimo Vaccari

Ha pronunciato la seguente

ORDINANZA

Nella causa tra:

L. S.R.L. con l'avv. VE.LU.

Contro

IN.MA. con l'avv. FR.SI.UG.

A scioglimento della riserva assunta all'udienza del 17 dicembre 2015;

Svolgimento del processo - Motivi della decisione

RILEVATO CHE

In.Ma. ha ottenuto dal G.D di questo Tribunale un decreto con il quale è stato ingiunto a Le. s.r.l. di pagare in favore del primo la somma di Euro 20.000,00 a titolo di doppio della caparra confirmatoria che lo stesso aveva corrisposto in esecuzione del contratto preliminare di affitto di ramo di azienda che era stato concluso tra le parti in data 20 marzo 2014 e che, a detta dell'In., non era stato adempiuto dalla attrice, per essersi essa rifiutata di stipulare il contratto definitivo;

l'istanza di concessione della provvisoria esecuzione del predetto decreto che è stata avanzata dall'opposto merita di essere accolta, atteso che l'opposizione non può dirsi fondata su prova scritta o di pronta soluzione;

infatti l'opponente fonda la propria pretesa di trattenere la somma, pacificamente ricevuta, sull'assunto che l'opposto non ha adempiuto all'obbligo previsto a suo carico dal predetto contratto di stipulare la polizza assicurativa del rischio locatizio;

tale assunto risulta però smentito dallo stesso contratto poiché, ai sensi della clausola n. 7 primo alinea di esso, la parte affittuaria avrebbe dovuto stipulare la polizza succitata entro il giorno successivo alla conclusione del contratto definitivo;

ancora, a rivelare la debolezza della difesa dell'attrice vale la considerazione che essa non ha mai contestato al convenuto il preteso inadempimento prima del presente giudizio, ed in particolare dopo che era stata convocata per la stipula del contratto definitivo;

non può poi costituire prova scritta a favore della attrice la dichiarazione resa per iscritto da un terzo sul comportamento tenuto dall'In. nella imminenza dell'appuntamento davanti al notaio che è stata dimessa alla scorsa udienza; ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall' Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.025 secondi