Tribunale di Bologna Sez. IV, Decreto del 04/07/2016

Tribunale di Bologna Sez. IV, Decreto del 04/07/2016
Giovedi 22 Settembre 2016
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

TRIBUNALE ORDINARIO di BOLOGNA

QUARTA SEZIONE CIVILE

SEZIONE SPECIALIZZATA IN MATERIA D1 IMPRESA

Il Tribunale, riunito in Camera di Consiglio nelle persone dei seguenti Magistrati:

doti. Fabio Florini - Presidente

dott. Giovanni Salina - Giudice Relatore

dott.ssa Anna Maria Rossi - Giudice

Nel giudizio di opposizione iscritto al n. r.g. 8746/2015, promosso a norma dell'art. 98 L.F. da:

A.S. SRL, con il patrocinio dell'avv. GIACOBAZZI ANTONELLO MARIA.

RICORRENTE

Contro

F.A. SPA, con il patrocinio dell'avv. BERTOZZI LUCA.

CONVENUTO

ha pronunciato il seguente

DECRETO

Svolgimento del processo - Motivi della decisione

Con ricorso ex art 98 L.F., depositato telematicamente in data 9/6/2015, la società A.S. s.r.l., in persona del suo legale rappresentante pro-tempore, ha proposto opposizione avverso il decreto con cui, in data 8/5/2015, il G.D. dell'adito Tribunale, rendendo esecutivo lo stato passivo del Fallimento della società A. s.p.a., aveva ammesso solo in parte i crediti dalla stessa insinuati ai sensi dell'art. 93 L.F.

In particolare, la società opponente ha chiesto, testualmente, l'ammissione al predetto stato passivo per le somme indicate in ricorso, oltre agli interessi dalla data della debenza, e agli interessi successivi nella misura e nei limiti previsti dagli artt. 54 e 55 L. Fall. e 2749 c.c.

Con memoria depositata in data 3/12/2015, la curatela convenuta ha eccepito, in via preliminare, l'inammissibilità del ricorso ex adverso proposto per inosservanza del termine decadenziale di giorni trenta previsto dalla legge, e, nel merito, l'infondatezza delle deduzioni difensive avversarie.

Nel corso del procedimento, il G.I., previa reiezione delle istanze istruttorie formulate dall'opponente, ha fissato udienza di discussione, assegnando alle parti termine per il deposito di note conclusive.

Fatte queste premesse, si ritiene che l'eccezione di inammissibilità sollevata, in via preliminare. dal Fallimento opposto sia fondata. ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall' Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.035 secondi