Corte di Cassazione Sezione 2 Civile Ordinanza 4 luglio 2019  n. 18028

Corte di Cassazione Sezione 2 Civile Ordinanza 4 luglio 2019  n. 18028
Giovedi 26 Settembre 2019
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE


Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ORILIA Lorenzo - Presidente

Dott. BELLINI Ubaldo - Consigliere

Dott. GIANNACCARI Rossana - rel. Consigliere

Dott. DONGIACOMO Giuseppe - Consigliere

Dott. VARRONE Luca - Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 8072-2015 proposto da:

(OMISSIS), elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell'avvocato (OMISSIS), rappresentata e difesa dall'avvocato (OMISSIS);

- ricorrente -

contro

(OMISSIS), elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell'avvocato (OMISSIS), rappresentato e difeso dall'avvocato (OMISSIS);

- controricorrente -

avverso la sentenza n. 196/2014 della CORTE D'APPELLO di FIRENZE, depositata il 31/01/2014;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del 10/01/2019 dal Consigliere Dott. ROSSANA GIANNACCARI.

FATTI DI CAUSA

La Corte d'Appello di Firenze, con sentenza pubblicata il 31.1.2014, in riforma della sentenza del Tribunale di Firenze, Sezione Distaccata di Pontassieve, accoglieva la domanda proposta in via riconvenzionale, da (OMISSIS) e, per l'effetto, dichiarava il diritto di servitu' di passo in favore della sua proprieta' ed a carico della proprieta' di (OMISSIS)

(OMISSIS) aveva agito in negatoria servitutis per chiedere accertarsi l'inesistenza, sul suo fondo, di una servitu' di passaggio in favore di (OMISSIS), il quale, nel costituirsi aveva chiesto, in via riconvenzionale l'accertamento del diritto di servitu' in favore del proprio fondo. Per quel che rileva nel giudizio di legittimita', il (OMISSIS) aveva dedotto che la servitu' fosse stata costituita per destinazione del padre di famiglia, trattandosi di fondi appartenenti ad un unico proprietario, fino all'atto di divisione del 5.11.1999; assumeva che l'apparenza della servitu' fosse costituita dall'esistenza, sul fondo servente, di un cancelletto di ingresso e di un vialetto.

La corte territoriale riteneva che all'atto della separazione dei due fondi, originariamente appartenenti all'unico proprietario, il vincolo di subordinazione di un fondo rispetto all'altro fosse avvenuto per volonta' delle stesse parti in causa; la clausola contenuta nell'atto di divisione, relativa al trasferimento delle servitu' attive e passive costituiva mera clausola di stile, non incompatibile con la volonta' delle parti di eliminare la situazione di fatto esistente. In tale ipotesi, quindi, doveva farsi ricorso al principio dell'onere della prova, che incombeva in capo a (OMISSIS), attrice in negatoria servitutis, la quale non aveva dimostrato l'inesistenza della servitu'. Osservava la corte fiorentina che i due fondi appartenevano originariamente a due proprietari: quello di (OMISSIS) apparteneva a (OMISSIS) e quello di (OMISSIS) a (OMISSIS). Le parti avevano acquistato, nel 1974, il fondo di (OMISSIS) e, nel 1989 avevano ereditato quello del padre (OMISSIS), ove era aperto il varco sulla (OMISSIS). Fino all'atto di divisione del 1999, (OMISSIS), proprietario originario del terreno, utilizzava l'accesso privo di passo carrabile per accedere al fondo di (OMISSIS), poi trasferito a (OMISSIS). Poiche' nell'atto di divisione, le parti nulla era stato previsto in ordine alla servitu', incombeva su (OMISSIS) l'onere di provare l'inesistenza del diritto reale in favore del fondo di (OMISSIS). ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.038 secondi