Corte di Cassazione Sezione 1 Civile Sentenza 7 maggio 2019 n. 12021

Corte di Cassazione Sezione 1 Civile Sentenza 7 maggio 2019 n. 12021
Venerdi 24 Maggio 2019
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE



Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ACIERNO Maria - Presidente

Dott. TRICOMI Irene - rel. Consigliere

Dott. SCALIA Laura - Consigliere

Dott. DE MARZO Giuseppe - Consigliere

Dott. CAMPESE Eduardo - Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 16538/2016 proposto da:

(OMISSIS), elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell'avvocato (OMISSIS), rappresentata e difesa dall'avvocato (OMISSIS), giusta procura in calce al ricorso;

- ricorrente -

contro

(OMISSIS), elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell'avvocato (OMISSIS), rappresentato e difeso dall'avvocato (OMISSIS), giusta procura in calce al controricorso;

- controricorrente -

avverso la sentenza n. 1902/2015 della CORTE D'APPELLO di PALERMO, depositata il 22/12/2015;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 15/03/2019 dal cons. TRICOMI LAURA;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. DE RENZIS Luisa, che ha concluso per il rigetto;

udito, per il ricorrente, l'Avvocato (OMISSIS), con delega orale, che ha chiesto l'accoglimento;

udito, per il controricorrente, l'Avvocato (OMISSIS), con delega, che si e' riportato.

FATTI DI CAUSA

Con sentenza del 22 dicembre 2015 la Corte d'appello di Palermo ha accolto il gravame proposto da (OMISSIS) avverso la pronuncia del Tribunale di Palermo che - dichiarata la cessazione degli effetti civili del matrimonio contratto in data 19/7/1993 con (OMISSIS) - aveva disposto che egli versasse in favore di quest'ultima un assegno divorzile di Euro 250,00 mensili, ed ha revocato la statuizione in merito all'assegno divorzile.

La Corte d'appello, avendo premesso che l'assetto economico stabilito nel 1998, in sede di separazione consensuale con la previsione di un assegno di mantenimento, cosi' come l'analogo provvedimento provvisorio emesso dalla Corte di appello in sede di reclamo avverso l'ordinanza presidenziale adottata nel giudizio di divorzio non avevano valenza determinante o orientativa, ha ritenuto che non ricorrevano le condizioni per porre a carico del (OMISSIS) l'assegno divorzile. ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratis alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.053 secondi