Corte di Cassazione Sezione TRI Civile Ordinanza 21 marzo 2019 n. 7966

Corte di Cassazione Sezione TRI Civile Ordinanza 21 marzo 2019 n. 7966
Martedi 26 Marzo 2019
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE
SEZIONE TRIBUTARIA

 

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANZON Enrico - Presidente

Dott. BRUSCHETTA Ernestino L. - Consigliere

Dott. NONNO Giacomo Maria - rel. Consigliere

Dott. SUCCIO Roberto - Consigliere

Dott. PUTATURO DONATI VISCIDO M.G. - Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 29889/2015 R.G. proposto da:

(OMISSIS), elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell'avv. (OMISSIS), rappresentata e difesa dall'avv. (OMISSIS) giusta procura speciale in calce al ricorso;

- ricorrente -

contro

Agenzia delle entrate, in persona del Direttore pro tempore, rappresentata e difesa dall'Avvocatura Generale dello Stato, presso la quale e' domiciliata in Roma, via dei Portoghesi n. 12;

- resistente -

e contro

Agenzia delle entrate - Direzione Provinciale Ufficio Controlli Perugia, in persona del Direttore pro tempore;

- intimata -

avverso la sentenza della Commissione tributaria regionale dell'Umbria n. 276/03/15, depositata il 18 maggio 2015.

Udita la relazione svolta nella Camera di consiglio del 28 novembre 2018 dal Cons. Nonno Giacomo Maria.

RILEVATO

Che:

1. con sentenza n. 276/03/15 del 18/05/2015 la CTR dell'Umbria ha accolto l'appello proposto dalla Agenzia delle entrate avverso la sentenza n. 251/12/13 della CTP di Perugia, la quale aveva a sua volta accolto il ricorso di (OMISSIS) avverso gli avvisi di liquidazione relativi all'anno 2007, con i quali venivano revocate le agevolazioni relative all'acquisto della prima casa;

1.1. come si evince dalla sentenza della CTR e dagli atti delle parti: a) la revoca delle agevolazioni relative all'acquisto della prima casa conseguivano alla vendita della stessa ad un terzo prima del quinquennio, in ragione degli accordi stipulati in sede di separazione consensuale; b) la CTP accoglieva il ricorso proposto dalla (OMISSIS); c) l'Agenzia delle entrate proponeva appello davanti alla CTR;

1.2. la CTR motivava l'accoglimento dell'appello dell'Agenzia delle entrate evidenziando che "la revoca del beneficio fiscale non contrasta l'intassabilita' delle disposizioni cui i coniugi pervengono in occasione della separazione, sia perche' la cessione dell'immobile non avviene attraverso l'omologazione della separazione, sia perche' non vi e' qui tassazione in atto occasionata dalla crisi coniugale, bensi' la revoca di un precedente beneficio fiscale"; ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.043 secondi