Corte di Cassazione Sezione 6 TRI Civile Ordinanza 7 febbraio 2020 n. 3005

Corte di Cassazione Sezione 6 TRI Civile Ordinanza 7 febbraio 2020 n. 3005
Lunedi 23 Marzo 2020
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T



Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GRECO Antonio - Presidente

Dott. FUOCHI TINARELLI Giuseppe - Consigliere

Dott. LUCIOTTI Lucio - rel. Consigliere

Dott. CASTORINA Rosaria Maria - Consigliere

Dott. GORI Pierpaolo - Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 21039/2018 R.G. proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, C.F. (OMISSIS), in persona del Direttore pro tempore, rappresentata e difesa dall'AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, presso la quale e' domiciliata in Roma, alla via dei Portoghesi n. 12;

- ricorrente -

contro

(OMISSIS), rappresentato e difeso, per procura speciale in calce al controricorso, dagli avv.ti (OMISSIS) e (OMISSIS), ed elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio legale del predetto ultimo difensore;

- controricorrente -

avverso la sentenza n. 510/04/2018 della Commissione tributaria regionale del PIEMONTE, depositata il 12/03/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non partecipata del 13/11/2019 dal Consigliere Lucio LUCIOTTI.

RILEVATO Che:

- in controversia relativa ad impugnazione di un'intimazione di pagamento delle somme portate da una cartella di pagamento notificata al contribuente in data 21/04/2009, la CTR piemontese con la sentenza impugnata rigettava l'appello agenziale sostenendo che, non essendo stata regolarmente notificata alla (OMISSIS) s.n.c. la cartella di pagamento emessa sulla base di una sentenza divenuta definitiva (sentenza CTR Piemonte n. 170/06/1997), quella successivamente emessa nei confronti del contribuente, socio illimitatamente responsabile della predetta societa', "riguarda(va) una pretesa erariale ormai prescritta";

- avverso tale statuizione l'Agenzia delle entrate propone ricorso per cassazione affidato a due motivi, cui replica l'intimato con controricorso;

- sulla proposta avanzata dal relatore ai sensi del novellato articolo 380-bis c.p.c., risulta regolarmente costituito il contraddittorio. ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratis alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.048 secondi