Cassazione|Sezione L|Civile|Ordinanza|17 aprile 2019| n. 10725

Lunedi 13 Maggio 2019
Per accedere agli allegati Ŕ richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati Ŕ richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarÓ richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione Ŕ gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalitÓ gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

 

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BRONZINI Giuseppe - Presidente

Dott. CURCIO Laura - Consigliere

Dott. BALESTRIERI Federico - Consigliere

Dott. PATTI Adriano Piergiovanni - rel. Consigliere

Dott. CINQUE Guglielmo - Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 13633/2017 proposto da:

(OMISSIS) S.R.L., in persona del legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZA CAVOUR, presso la CANCELLERIA DELLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE, rappresentata e difesa dagli avvocati (OMISSIS) e (OMISSIS);

- ricorrente -

contro

(OMISSIS), elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell'avvocato (OMISSIS), che la rappresenta e difende;

- controricorrente -

avverso la sentenza n. 548/2017 della CORTE D'APPELLO di MILANO, depositata il 30/05/2017, R.G.N. 1635/2016.

RILEVATO IN FATTO

che con sentenza del 13 marzo 2017, la Corte d'appello di Milano rigettava l'appello proposto da (OMISSIS) s.r.l. avverso le sentenze non definitiva (n. 284/2016) e definitiva (n. 387/2016) del Tribunale di Pavia, che aveva accertato il diritto di (OMISSIS) all'inquadramento nel II livello del CCNL di categoria, l'illegittimita' del licenziamento intimatole il 23 agosto 2011 per violazione del periodo di comporto e condannato la societa' datrice al pagamento, in favore della lavoratrice a titolo risarcitorio per mobbing, della somma di Euro 41.043,00, oltre interessi legali (con la prima) e delle somme di Euro 5.000,00 per differenze retributive per il superiore inquadramento riconosciuto e di Euro 8.384,88 per indennita' da licenziamento illegittimo (con la seconda); ...

Collabora con la Redazione

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall' Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.016 secondi