Cassazione penale Sez. Unite, Sentenza n. 41432 del 03/10/2016

Mercoledi 19 Ottobre 2016
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONI UNITE PENALI

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CANZIO Giovanni - Presidente -

Dott. SIOTTO Maria Cristin - Consigliere -

Dott. CONTI Giovanni - Consigliere -

Dott. CAMMINO Matilde - Consigliere -

Dott. BONITO Francesco M.S - Consigliere -

Dott. DAVIGO P. - rel. Consigliere -

Dott. VESSICHELLI Maria - Consigliere -

Dott. PICCIALLI Patrizia - Consigliere -

Dott. FIDELBO Giorgio - Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso proposto da:

1. N.S.A., nata a (OMISSIS);

2. P.G., nato a (OMISSIS);

3. C.F., nato a (OMISSIS);

avverso la sentenza del 07/04/2015 della Corte di appello di Campobasso;

visti gli atti, il provvedimento impugnato e i ricorsi;

udita la relazione svolta dal componente Piercamillo Davigo;

udito il Pubblico Ministero, in persona dell'Avvocato generale Dott. ROSSI Agnello, che ha concluso chiedendo l'annullamento con rinvio del provvedimento impugnato;

udito il difensore dei ricorrenti, avv. Domenico Affenita, che ha concluso chiedendo l'annullamento con rinvio della sentenza impugnata.

Svolgimento del processo

1. In data 19 luglio 2012, il Giudice della udienza preliminare del Tribunale di Isernia, all'esito di giudizio abbreviato, condannava N.S.A., P.G. e C.F. per i reati di cui agli artt. 455 e 640 c.p., previa concessione delle attenuanti generiche, ritenuta la continuazione e con la diminuente per il rito abbreviato, a due anni, otto mesi di reclusione e 200 Euro di multa ciascuno.

2. Contro il predetto provvedimento proponeva appello il difensore degli imputati.

La Corte di appello di Campobasso, con sentenza del 7 aprile 2015, in parziale riforma della decisione di primo grado, ribadito il giudizio di penale responsabilità, riconosceva agli imputati le circostanze attenuanti generiche e, con la già ritenuta continuazione e con la diminuente per il rito, rideterminava in un anno di reclusione e 600 Euro di multa la pena inflitta a ciascuno di essi. ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall' Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.037 secondi