Cassazione penale Sez. V, Sentenza del 15/06/2017 n.29885

Cassazione penale Sez. V, Sentenza del 15/06/2017 n.29885
Sabato 22 Luglio 2017
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE QUINTA PENALE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ZAZA Carlo - Presidente -

Dott. MAZZITELLI Caterina - Consigliere -

Dott. SCOTTI Umberto Luigi - Consigliere -

Dott. SCARLINI Enrico V.S. - rel. Consigliere -

Dott. RICCARDI Giuseppe - Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso proposto da:

M.D. nato il (OMISSIS);

avverso la sentenza del 07/07/2016 della CORTE APPELLO di TRIESTE;

visti gli atti, il provvedimento impugnato e il ricorso;

udita la relazione svolta dal Consigliere ENRICO VITTORIO STANISLAO SCARLINI;

Udito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore, Maria Francesca Loy, che ha concluso;

Il Proc. Gen. conclude per il rigetto;

Udito il difensore avv. Bruno Simeoni;

Il difensore presente insiste per l'annullamento della sentenza impugnata al termine di un'ampia ed articolata esposizione del contenuto del ricorso.

Svolgimento del processo

1 - Con sentenza del 7 luglio 2016, la Corte di appello di Trieste confermava la sentenza del Tribunale di Udine che aveva ritenuto M.D. colpevole dei delitti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (capo Al), bancarotta impropria da falso in bilancio (capo B1) e bancarotta semplice per avere aggravato il dissesto non richiedendo il fallimento, tutti in relazione alla srl (OMISSIS), dichiarata fallita il 4 dicembre 2009, di cui M. era stato amministratore unico dal 2001 al 21 luglio 2009, e quale presidente del consiglio di amministrazione ed amministratore della (OMISSIS) srl (già (OMISSIS) srl e (OMISSIS) spa), la società beneficiata dalle distrazioni.

La Corte triestina aveva ritenuto infondate le censure mosse dall'imputato nell'atto di appello perchè:

- quanto alla distrazione consumata a favore della srl (OMISSIS), il curatore aveva riferito che le somme corrisposte da questa alla fallita, in occasione della risoluzione del contratto di sub-appalto stipulato fra la (OMISSIS) (che aveva ricevuto l'appalto da spa Danieli) e la fallita (OMISSIS), avevano compensato le sole opere di officina effettuate in Italia, mentre, per le lavorazioni effettuate in Portogallo da dipendenti (OMISSIS), nulla risultava essere stato corrisposto alla fallita e nulla il ricorrente aveva potuto provare al curatore essere stato versato dalla (OMISSIS); la carenza di documentazione sul punto rendeva poi inutile la richiesta perizia contabile; nè avevano rilievo le appostazioni del bilancio della beneficiata, avendole il ricorrente adottate al fine di occultare le distrazioni; era poi evidente la sussistenza dell'elemento soggettivo del delitto, visto che l'imputato aveva attribuito i costi alla fallita ed i ricavi ad altra società; ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratis alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.059 secondi