Cassazione penale Sez. IV Sentenza n. 5429 del 04/02/2019

Cassazione penale Sez. IV Sentenza n. 5429 del 04/02/2019
Venerdi 15 Febbraio 2019
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE QUARTA PENALE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CIAMPI Francesco Maria - Presidente -

Dott. MICCICHE’ Loredana - Consigliere -

Dott. BRUNO Mariarosaria - rel. Consigliere -

Dott. CENCI Daniele - Consigliere -

Dott. PAVICH Giuseppe - Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso proposto da:

PROCURATORE DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI PADOVA;

nel procedimento a carico di:

R.A., nato a (OMISSIS);

inoltre:

PARTE CIVILE;

AXA ASSICURAZIONI SPA;

avverso la sentenza del 26/06/2017 del GIUDICE DI PACE di PADOVA;

visti gli atti, il provvedimento impugnato e il ricorso;

udita la relazione svolta dal Consigliere Dott. MARIAROSARIA BRUNO;

udito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore ZACCO Franca che ha concluso chiedendo l'inammissibilità del ricorso.

L'avvocato SCANTAMBURLO MASSIMO del foro di PADOVA in difesa di PARTE CIVILE deposita conclusioni scritte cui si riporta, chiedendo l'accoglimento del ricorso, e nota spese delle quali chiede la liquidazione.

Svolgimento del processo

1. Con sentenza emessa in data 26/6/07 il Giudice di Pace di Padova ha dichiarato non doversi procedere nei confronti di R.A. per il reato di cui all'art. 590 c.p., commi 2 e 3 per avere l'imputato riparato il danno cagionato alla persona offesa ed eliminato le sue conseguenze dannose.

Al R.A. era contestato il reato di lesioni colpose, avendo, alla guida della propria autovettura, con violazione delle norme sulla circolazione stradale, cagionato lesioni personali a Z.G., tamponando il motociclo dallo stesso guidato, così provocandone la fuoriuscita dalla sede viaria: a seguito dell'urto lo Z. veniva sbalzato in un fossato riportando lesioni gravi.

2. Avverso la sentenza resa dal Giudice di Pace, ha proposto ricorso per Cassazione il P.M. presso il Tribunale di Padova, lamentando violazione di legge e vizio di motivazione. Osserva in proposito che il Giudice di pace si è limitato a definire congrua la somma di Euro 62 mila a titolo di riparazione, senza aggiungere null'altro e senza procedere a compiere ogni dovuta Indagine sulla durata e l'entità delle lesioni patite dalla persona offesa. Evidenzia che tali asserzioni contrastano con la ratio del D.Lgs. n. 274 del 2000, art. 35 che richiede la prova concreta della esistenza del risultato riparatorio. Rileva inoltre che non è corretta l'affermazione contenuta in sentenza, secondo la quale le spese legali non sono conseguenza diretta del danno. Così facendo il giudice trascura di considerare che si tratta di spese di assistenza stragiudiziale aventi natura di danno emergente. ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratis alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.042 secondi