Cassazione penale Sez. V, Sentenza n. 18248 del 02-05-2016

Cassazione penale Sez. V, Sentenza n. 18248 del 02-05-2016
Lunedi 16 Maggio 2016
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE QUINTA PENALE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FUMO Maurizio - Presidente -

Dott. MORELLI Francesca - rel. Consigliere -

Dott. MICCOLI Grazia - Consigliere -

Dott. SCARLINI Enrico Vittorio - Consigliere -

Dott. LIGNOLA Ferdinando - Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso proposto da:

PROCURATORE GENERALE PRESSO CORTE D'APPELLO DI GENOVA;

nei confronti di:

O.R. N. IL (OMISSIS);

avverso la sentenza n. 2117/2014 CORTE APPELLO di GENOVA, del 12/02/2015;

visti gli atti, la sentenza e il ricorso;

udita in PUBBLICA UDIENZA del 07/01/2016 la Consigliere Dott. FRANCESCA MORELLI;

Udito il Procuratore Generale in persona del Dott. Francesca Loy, che ha concluso per l'annullamento senza rinvio;

Udito il difensore Avv. Vincenzo Davoli sin sost. avv. Esposito.

Svolgimento del processo

Con la sentenza impugnata, la Corte d'Appello di Genova ha confermato la sentenza del Tribunale di Genova del 24.10.13 che condannava alla pena di giustizia, previa concessione dell'attenuante di cui all'art. 62 c.p., n. 4, con giudizio di equivalenza sulla recidiva, O. R., ritenuto responsabile di furto.

Propone ricorso il Procuratore Generale deducendo violazione di legge in ordine alla qualificazione giuridica del fatto e difetto di motivazione in ordine alla prospettata derubricazione del reato consumato in reato tentato ed alla applicazione della previsione di cui all'art. 131 bis c.p..

Si sostiene che la Corte d'Appello non avrebbe valutato la possibilità di ritenere configurabile la fattispecie di cui all'art. 626 c.p., n. 2 (considerato che l'imputato, persona straniera senza fissa dimora, si era impossessato di generi alimentari del valore di 4 Euro) e, in ogni caso, l'ipotesi tentata, dal momento che l'imputato era stato notato da un cliente mentre si impossessava della merce ed era stato immediatamente segnalato al personale che l'aveva bloccato, ottenendo la pronta restituzione dei beni. ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.04 secondi