Cassazione penale Sez. IV, Sentenza n. 31521 del 21/07/2016

Lunedi 29 Agosto 2016
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE QUARTA PENALE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. D’ISA Claudio - Presidente -

Dott. MONTAGNI Andrea - Consigliere -

Dott. CAPPELLO Gabriella - Consigliere -

Dott. TANGA Antonio Leonar - Consigliere -

Dott. PAVICH Giuseppe - Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso proposto da:

PROCURATORE GENERALE PRESSO CORTE D’APPELLO DI VENEZIA;

nei confronti di:

C.D., N. IL (OMISSIS);

avverso la sentenza n. 39/2014 GIUDICE DI PACE di ROVIGO, del 17/09/2015;

sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. CLAUDIO D’ISA;

sentite le conclusioni del PG Dott. Bolzano Antonio, annullamento senza rinvio con trasmissione atti alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Rovigo.

Svolgimento del processo

Il Procuratore Generale presso la Corte d’appello di Venezia ricorre per cassazione avverso la sentenza, indicata in epigrafe, emessa dal Giudice di pace di Rovigo con cui ha dichiarato non doversi procedere per mancanza di querela nei confronti di C.D., imputato del delitto di lesioni colpose aggravate dalla violazione di norme in materia di prevenzione di infortuni sul lavoro, per essere il reato ascritto estinto per intervenuta remissione di querela.

Il fatto e’ ben descritto nella contestazione: perche’ il C., in qualita’ di direttore del supermercato Imperlando, con sede in (OMISSIS), per colpa, imprudenza, imperizia e negligenza, nonche’ nelle specifiche violazioni all’art. 64 /1 combinato disposto con l’art. 63 in riferimento all’allegato 4 al punto 1.4.9 del D.Lgs. n. 81 del 2008, ometteva di segnalare opportunamente all’interno del predetto supermercato un tratto di pavimentazione bagnata non visibile, causando la rovinosa caduta a terra del cliente F.E., che transitava a piedi su quel tratto e cagionava a quest’ultimo lesioni personali. In (OMISSIS).

Si denuncia violazione di legge avendo il Giudice di pace trascurato del tutto che la disposizione incriminatrice sottoposta alla sua valutazione esorbita dalla sua competenza per materia ai sensi e per gli effetti di cui al D.Lgs. n. 74 del 2000, art. 4, comma 1, lett. a). ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall' Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.024 secondi