Cassazione penale Sez. III Sentenza del 15/05/2017 n.23764

Cassazione penale Sez. III Sentenza del 15/05/2017 n.23764
Mercoledi 28 Giugno 2017
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA PENALE

dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SAVANI Piero - Presidente -

Dott. CERRONI Claudio - Consigliere -

Dott. LIBERATI Giovanni - Consigliere -

Dott. MACRI’ Ubalda - Consigliere -

Dott. ANDRONIO Alessandro M. - rel. Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso proposto da:

M.H., nato a (OMISSIS);

avverso la sentenza della Corte d'appello di Torino - sezione per i minorenni del 24 settembre 2015;

visti gli atti, il provvedimento impugnato e il ricorso;

udita la relazione svolta dal consigliere Alessandro M. Andronio;

udito il pubblico ministero, in persona del sostituto procuratore generale Dott. MAZZOTTA Gabriele, che ha concluso per l'inammissibilità del ricorso.

Svolgimento del processo

1. - Con sentenza del 24 settembre 2015, la Corte d'appello di Torino - sezione per i minorenni ha confermato - quanto alla responsabilità penale - la sentenza del Tribunale per i minorenni di Torino del 26 marzo 2013 con la quale l'imputato era stato condannato per il reato di cui all'art. 81, comma 2, art. 609 bis, comma 2, n. 1), art. 609 ter, u.c., per avere, più volte in esecuzione di un medesimo disegno criminoso, costretto la sorella di cinque - sei anni di età, con lui convivente e affidata alle sue cure, con abuso delle condizioni di inferiorità psichica è fisica, a compiere atti sessuali; con l'aggravante di avere commesso il fatto in danno di persona che all'epoca aveva meno di 10 anni. La Corte d'appello ha riconosciuto le circostanze attenuanti generiche e la diminuzione per la minore età prevalenti sull'aggravante contestata e ha conseguentemente rideterminato in diminuzione il trattamento sanzionatorio.

2. - Avverso la sentenza l'imputato ha proposto - tramite il difensore - ricorso per cassazione, chiedendone l'annullamento.

2.1. - Con un primo motivo di doglianza, si lamenta la mancata assunzione della prova decisiva che sarebbe stata rappresentata dalla testimonianza di Ma.Sa., sorella dell'imputato e, per parte di padre, anche della vittima, sulla circostanza se avesse mai assistito a comportamenti sconvenienti posti in essere dall'imputato stesso e su quale fosse il clima familiare. La Corte d'appello avrebbe respinto tale richiesta sull'erroneo presupposto che tale soggetto non aveva vissuto in casa con i fratelli all'epoca dei fatti, mentre un altro testimone, nel corso del dibattimento, aveva affermato che questa viveva con i fratelli. ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratis alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.042 secondi