Cassazione penale Sez. III, Sentenza (ud. 05-04-2016) n. 24816 del 15/06/2016

Cassazione penale Sez. III, Sentenza (ud. 05-04-2016) n. 24816 del 15/06/2016
Mercoledi 21 Dicembre 2016
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA PENALE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. AMORESANO Silvio - Presidente -

Dott. MANZON Enrico - Consigliere -

Dott. GAI Emanuela - rel. Consigliere -

Dott. ANDRONIO Alessandro M. - Consigliere -

Dott. RICCARDI Giuseppe - Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso proposto da:

P.P., nato a (OMISSIS);

avverso la ordinanza del 18/06/2015 del Tribunale del riesame di Latina;

visti gli atti, il provvedimento impugnato e il ricorso;

udita la relazione svolta dal consigliere Dott. Enrico Manzon;

letta la requisitoria del PG che ha chiesto dichiararsi inammissibile il ricorso.

Svolgimento del processo - Motivi della decisione

1.Con ordinanza in data 18 giugno 2015 il Tribunale del riesame di Latina confermava il decreto di sequestro preventivo emesso in data 11 maggio 2015 dal Gip del Tribunale stesso nei confronti di P. P. per il reato di cui al D.Lgs. n. 74 del 2000, art. 5.

Osservava il Tribunale che dovevano considerarsi sussistenti sia il fumus criminis che il periculum in mora.

2. Contro il provvedimento reiettivo, tramite il difensore fiduciario, ha proposto ricorso per cassazione il P. deducendo un unico articolato motivo.

2.1 Si duole anzitutto il ricorrente di violazione di legge per la carenza della motivazione in ordine al fumus commissi delicti, con particolare alla soglia di punibilità prevista per il reato ascrittogli.

2.2 Lamenta poi la mancanza di motivazione in ordine al valore dei beni sottoposti a sequestro in rapporto al quantum confiscabile ex lege ed ai relativi principi di proporzionalità/adeguatezza.

2.3 In terzo luogo denuncia carenza motivazionale e probatoria in ordine alla riferibilità dei beni in sequestro ad esso ricorrente.

3. Il PG ha depositato requisitoria scritta con la quale chiede dichiararsi inammissibile il ricorso, ravvisando la piena legittimità del provvedimento impugnato.

CONSIDERATO IN DIRITTO 1. Il ricorso è solo parzialmente fondato, per le ragioni che seguono. ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall' Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.042 secondi