Cassazione civile Sez. VI - 2, Ordinanza n. 22447 del 04/11/2016

Giovedi 10 Novembre 2016
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. D’ASCOLA Pasquale - Presidente -

Dott. GIUSTI Alberto - Consigliere -

Dott. FALASCHI Milena - Consigliere -

Dott. ABETE Luigi - Consigliere -

Dott. SCALISI Antonino - rel. Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 2315/2015 proposto da:

ANFFAS ONLUS, ASSOCIAZIONE NAZIONALE FAMIGLIE DI PERSONE CON DISABILITA' INTELIETTIVE E/O RELAZIONALI, in persona del Presidente e legale rappresentante, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI TRE OROLOGI 20, presso lo studio dell'avvocato GIANLUCA FUSCO, che la rappresenta e difende giusta delega in calce al ricorso;

- ricorrente -

contro

M.F., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA FASANA 16, presso lo studio dell'avvocato RICCARDO RAMPIONI, rappresentata e difesa da se stesso e dall'avvocato LUIGI GIORDANO giusta procura speciale in calce al controricorso;

- controricorrente -

avverso l'ordinanza n. 924/2013 del TRIBUNALE di NAPOLI del 20/11/2014, depositata il 21/11/2014;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 14/06/2016 dal Consigliere Relatore Dott. ANTONINO SCALISI;

udito l'Avvocato Gianluca Fusco difensore della ricorrente che ha chiesto l'accoglimento del ricorso;

udito l'Avvocato M.F. difensore di se stessa controricorrente che ha chiesto il rigetto del ricorso.

Svolgimento del processo

L'ANFFAS Onlus proponeva opposizione, ai sensi dell'art. 645 c.p.c., avverso il decreto ingiuntivo n. 7180/12, con il quale, il Tribunale di Napoli ingiungeva all'opponente di corrispondere all'avv. M. la complessiva somma di Euro 85.760,00, richiesta quale compenso per l'attività professionale svolta a vantaggio dell'opponente e contro San Paolo Banco di Napoli.

Si costituiva l'avv. M.F. eccependo l'inammissibilità dell'opposizione e l'applicazione del D.Lgs. n. 150 del 2011.

Il Tribunale di Napoli, con ordinanza, dichiarava inammissibile l'opposizione e per l'effetto confermava il decreto ingiuntivo, integralmente, dichiarandone l'esecutività. Condannava l'ANFFAS Onlus al pagamento delle spese del giudizio di opposizione. Secondo il Tribunale di Napoli, l'opposizione andava dichiarata inammissibile perchè il giudizio era stato introdotto con citazione, anzichè con ricorso e, ai fini di accertare la tempestività o meno dell'opposizione, occorreva avere riguardo al momento del deposito dell'atto introduttivo a prescindere dalla data di notifica del medesimo a controparte. E, nel caso in esame, l'atto introduttivo era stato depositato il 14 gennaio 2013, oltre il termine perentorio dei quaranta giorni dalla notifica del decreto ingiuntivo previsto dall'art. 641 c.p.c., che scadeva il 7 gennaio 2013. ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall' Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.021 secondi