Cassazione civile Sez. Unite Sentenza n. 4485 del 23/02/2018

Cassazione civile Sez. Unite Sentenza n. 4485 del 23/02/2018
Venerdi 13 Luglio 2018
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONI UNITE CIVILI

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CANZIO Giovanni - Primo Presidente -

Dott. DI CERBO Vincenzo - Presidente di Sez. -

Dott. AMOROSO Giovanni - Presidente di Sez. -

Dott. D’ANTONIO Enrica - Consigliere -

Dott. CRISTIANO Magda - Consigliere -

Dott. CIRILLO Ettore - Consigliere -

Dott. TRIA Lucia - Consigliere -

Dott. BERRINO Umberto - Consigliere -

Dott. FRASCA Raffaele - rel. Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 3644/2016 proposto da:

D.P., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA RUGGERO FIORE 3, presso il proprio studio, rappresentato e difeso da sè medesimo;

- ricorrente -

contro

L.A.;

- intimata -

avverso l'ordinanza del TRIBUNALE di CIVITAVECCHIA, emessa il 28/12/2015 (r.g. n. 4665/2014).

Udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 24/10/2017 dal Consigliere Dott. RAFFAELE FRASCA;

udito il Pubblico Ministero, in persona dell'Avvocato Generale Dott. FUZIO Riccardo, che ha concluso per la competenza del giudice collegiale di Roma;

udito l'Avvocato D.P..

Svolgimento del processo

1. Nel dicembre del 2014 l'Avvocato D.P. adiva il Tribunale di Civitavecchia con ricorso ex art. 702-bis c.p.c. e assumeva di avere svolto attività professionale giudiziale su incarico e per conto di L.A.: a) sia nel primo che nel secondo grado del giudizio di separazione personale fra la stessa ed il coniuge A.F., rispettivamente davanti al Tribunale di Roma ed alla Corte d'Appello di Roma; b) sia richiedendo ed ottenendo vari decreti ingiuntivi dal Giudice di Pace di Roma per somme dovute dal coniuge a titolo di assegno mensile di mantenimento per i figli ed a titolo di contribuzione in spese straordinarie. Adducendo di avere inutilmente chiesto alla L. di provvedere al saldo delle relative competenze professionali, ne chiedeva la condanna a corrispondergli la somma di Euro 23.095,55 oltre accessori, nonchè quella di Euro 1.832,92 a titolo di rimborso spese. ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratis alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.041 secondi