Cassazione civile Sez. II Sentenza del 05/04/2017 n.8849

Venerdi 21 Aprile 2017
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PETITTI Stefano - Presidente -

Dott. GIUSTI Alberto - Consigliere -

Dott. COSENTINO Antonello - Consigliere -

Dott. FALASCHI Milena - rel. Consigliere -

Dott. SCARPA Antonio - Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso (iscritto al N.R.G. 3014/13) proposto da:

S.A. e MA.MA., rappresentati e difesi, in forza di procura speciale in calce al ricorso, dall'Avv. Silvano Mordenti del Foro di Monza ed elettivamente domiciliati presso lo studio dell'Avv. Benito Pananti in Roma, via Celimontana n. 38;

- ricorrenti -

contro

Studio Rondò s.a.s. di M.M. & C., in persona del legale rappresentante pro tempore, e M.M.;

- intimati -

avverso la sentenza della Corte d'appello di Milano n. 307 depositata il 27 gennaio 2012.

Udita la relazione della causa svolta nell'udienza pubblica del 29 settembre 2016 dal Consigliere relatore Dott.ssa Falaschi Milena;

udito l'Avv.to Ardizzi P. (con delega dell'Avv. Silvano Mordenti), per parte ricorrente; udito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. Servello Gianfranco, che ha concluso per l'inammissibilità del ricorso, in subordine per il rigetto.

Svolgimento del processo

S.A. e Ma.Ma. evocano, dinanzi al Tribunale di Monza, la società di intermediazione immobiliare Studio Rondò s.a.s. di M.M. & C. ed il socio accomandatario M.M., ai quali si erano rivolti per la ricerca e l'acquisto di un appartamento, chiedendo la restituzione della provvigione di Euro 6.000,00 versata, per mancata comunicazione dell'esistenza di due iscrizioni ipotecarie (una volontaria ed altra legale) sull'immobile acquistando che li aveva indotti ad addivenire con i promittenti venditori ad un accordo di risoluzione consensuale del contratto preliminare di vendita.

Instaurato il contraddittorio, nella resistenza dei convenuti, il giudice adito, in accoglimento delle domande attoree, condannava i mediatori, in solido, alla restituzione della somma complessiva di Euro 6.000,00, oltre ad interessi nella misura legale, dall'esborso al saldo, ed a rifondere agli attori le spese di lite. ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall' Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.024 secondi