Cassazione civile Sez. II Sentenza del 31/03/2017 n.8520

Cassazione civile Sez. II Sentenza del 31/03/2017 n.8520
Martedi 18 Aprile 2017
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BIANCHINI Bruno - Presidente -

Dott. LOMBARDO Luigi Giovanni - rel. Consigliere -

Dott. D’ASCOLA Pasquale - Consigliere -

Dott. GRASSO Giuseppe - Consigliere -

Dott. SCALISI Antonino - Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 3949/2013 proposto da:

CONDOMINIO (OMISSIS), elettivamente domiciliato in ROMA, VIA VAL DI FASSA 54, presso lo studio dell'avvocato FRANCO FELLI, che lo rappresenta e difende unitamente all'avvocato MARIA RITA FELLI;

- ricorrente -

contro

B.A., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA ALFREDO CASELLA 19, presso lo studio dell'avvocato PAOLO SAOLINI, che lo rappresenta e difende unitamente all'avvocato MICHELE D'IPPOLITO;

- controricorrente -

avverso la sentenza n. 5595/2011 della CORTE D'APPELLO di ROMA, depositata il 23/12/2011;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 16/02/2017 dal Consigliere Dott. LUIGI GIOVANNI LOMBARDO;

udito l'Avvocato FELLI Franco, difensore del ricorrente che ha chiesto di riportarsi al ricorso e alla memoria;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. CAPASSO Lucio, che ha concluso per il rigetto del ricorso.

Svolgimento del processo

1. - B.A. convenne in giudizio il Condominio dell'edificio sito in (OMISSIS), chiedendo la declaratoria di nullità della deliberazione assembleare del 27.4.2000, per avere l'amministratore del condominio omesso di inviare l'avviso di convocazione dell'assemblea agli acquirenti di alcune delle unità immobiliari che l'attore aveva veduto a terzi ricavandole dall'originario unico locale seminterrato (in particolare, dall'originario unico locale aveva ricavato due appartamenti e cinque garage, alienando un appartamento e un garage) e per avere continuato ad imputare ad esso attore - nonostante la comunicazione dell'avvenuta vendita - le spese condominiali relative all'intera originaria unità immobiliare. ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.038 secondi