Cassazione civile Sez. V Sentenza del 22/03/2017 n.7278

Cassazione civile Sez. V Sentenza del 22/03/2017 n.7278
Martedi 11 Aprile 2017
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CAPPABIANCA Aurelio - Presidente -

Dott. LOCATELLI Giuseppe - rel. Consigliere -

Dott. TRICOMI Laura - Consigliere -

Dott. ESPOSITO Antonio Francesco - Consigliere -

Dott. IANNELLO Emilio - rel. Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 27614-2011 proposto da:

B.G., elettivamente domiciliato in ROMA VIA SILVIO PELLICO 24, presso lo studio dell'avvocato GIUSEPPE VALVO, rappresentato e difeso dall'avvocato DONATELLA LUCHETTI giusta delega a margine;

- ricorrente -

contro

MINISTERO ECONOMIA E FINANZE;

- intimato -

nonchè contro

AGENZIA DELLE ENTRATE in persona del Direttore pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA VIA DEI PORTOGHESI 12, presso l'AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende;

- resistente con atto di costituzione -

avverso la sentenza n. 72/2010 della COMM. TRIB. REG. della TOSCANA, depositata il 28/09/2010;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 19/01/2017 dal Consigliere Dott. LOCATELLI GIUSEPPE;

udito per il ricorrente l'Avvocato VALVO per delega dell'Avvocato LUCHETTI che si riporta al contenuto del ricorso e della memoria depositati e chiede l'accoglimento;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. DE MASELLIS MARIELLA che ha concluso per l'accoglimento del ricorso.

Svolgimento del processo

A norma del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600, art. 36 bis l'Agenzia delle Entrate procedeva al controllo automatizzato della dichiarazione dei redditi mod. Unico 2002, relativa all'anno di imposta 2001, presentata da B.G., liquidando le maggiori imposte Iva, Irpef ed Irap risultanti dalla dichiarazione. L'agente della riscossione notificava in data 6.3.2007 la relativa cartella di pagamento.

Il contribuente proponeva ricorso sostenendo che la cartella era stata notificata oltre il termine di decadenza. Con sentenza n. 47 del 2008 la Commissione tributaria provinciale di Prato rigettava il ricorso sul rilievo che il contribuente non aveva dimostrato la tardività della notifica. ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.04 secondi