Cassazione civile Sez. II, Ordinanza n. 22197 del 22/09/2017

Cassazione civile Sez. II, Ordinanza n. 22197 del 22/09/2017
Lunedi 20 Novembre 2017
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BIANCHINI Bruno - Presidente -

Dott. FEDERICO Guido - rel. Consigliere -

Dott. SCALISI Antonino - Consigliere -

Dott. CRISCUOLO Mauro - Consigliere -

Dott. PENTA Andrea - Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 28581/2013 proposto da:

B.D., (OMISSIS), elettivamente domiciliata in ROMA, P.ZA DELLA LIBERTA' 10, presso lo studio dell'avvocato FRANCESCO CAPECCI, che la rappresenta e difende unitamente all'avvocato MASSIMILIANO MALOBERTI;

- ricorrente -

contro

P.R.M., elettivamente domiciliata in ROMA, VIALE GIULIO CESARE 118, presso lo studio dell'avvocato MARIA CARLA VECCHI, che la rappresenta e difende unitamente agli avvocati ANGELO PAONE, DANIELE PIAZZA;

- controricorrente -

avverso la sentenza n. 1077/2013 della CORTE D'APPELLO di GENOVA, depositata il 23/09/2013;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del 21/06/2017 dal Consigliere Dott. GUIDO FEDERICO.

Svolgimento del processo

Il Tribunale di Chiavari con la sentenza n.528/08 pubblicata il 26 novembre 2008, espletata Ctu grafologica ed assunta prova per testi, accolse la domanda di petizione di eredità proposta da B.D. nei confronti di P.R.M. e dichiarò che la stessa era stata nominata erede di F.A. in forza di testamento olografo del 25/7/2000, pubblicato dal notaio R. il 28.10.2003, di cui accertava l'autenticità, successivo ad altro testamento olografo, redatto dal medesimo de cuius il 10 novembre 1999 e pubblicato dal notaio Grifoni in data 1.9.2003.

Il Tribunale condannò pertanto la convenuta alla restituzione dei beni ereditari dei quali era entrata in possesso.

La Corte d'Appello di Genova, in riforma della sentenza di primo grado, respinse invece la domanda della B., affermando che la stessa non aveva provato la data di redazione del testamento olografo che la nominava erede e dunque la posterità di testamento rispetto a quello redatto dal F. il 10 novembre 1999. ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratis alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.039 secondi