Cassazione civile Sez. VI - 5 Ordinanza del 09/03/2017 n.6076

Cassazione civile Sez. VI - 5 Ordinanza del 09/03/2017 n.6076
Sabato 8 Aprile 2017
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCHIRO’ Stefano - Presidente -

Dott. CIRILLO Ettore - Consigliere -

Dott. MANZON Enrico - Consigliere -

Dott. NAPOLITANO Lucio - Consigliere -

Dott. VELLA Paola - rel. Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 21326/2015 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, (OMISSIS), in persona del Direttore pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso l'AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e difende ope legis;

- ricorrente -

contro

A.F., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA F. CONFALONIERI 5, presso lo studio dell'avvocato LUIGI MANZI, rappresentato e difeso dall'avvocato VINCENZO PELLEGRINI, giusta procura speciale in calce al controricorso;

- controricorrente -

avverso la sentenza n. 974/30/2015 della COMMISSIONE TRIBUTARIA REGIONALE di VENEZIA del 25/05/2015, depositata il 09/06/2015;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non partecipata del 14/12//2016 dal Consigliere Relatore Dott. PAOLA VELLA.

Svolgimento del processo

che:

1. il giudizio concerne il recupero della maggior Iva dovuta sull'acquisto di un immobile e dell'imposta sostitutiva sul relativo mutuo ipotecario, a seguito di revoca dell'agevolazione cd. "prima casa" prevista dall'art. 1 della Tariffa, Parte Prima, allegata al D.P.R. n. 131 del 1986, per avere il contribuente alienato in data 29/06/2010 l'immobile acquistato con detta agevolazione in data 13/06/2006 senza però procedere ad un nuovo acquisto entro un anno dall'alienazione;

2. all'esito della Camera di consiglio, il Collegio ha disposto l'adozione della motivazione in forma semplificata.

Motivi della decisione

che:

3. il giudice d'appello ha condivisibilmente ravvisato l'esistenza di una "causa di forza maggiore", poichè il contribuente si è reso aggiudicatario all'asta del nuovo immobile in data 18/01/2011 ed ha provveduto a versare il relativo prezzo in data 15/02/2011 - quindi ampiamente entro l'anno prescritto dalla legge - ottenendo però il decreto giudiziale di trasferimento ex art. 586 c.p.c., solo in data 6/07/2011, con un ritardo di sette giorni rispetto alla scadenza dell'anno, ritardo però a lui non imputabile, nè (data la sua estensione) prevedibile; ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.042 secondi