Cassazione civile Sez. VI - 2 Ordinanza del 18/09/2017 n.21569

Giovedi 21 Settembre 2017
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. D’ASCOLA Pasquale - Presidente -

Dott. ORILLA Lorenzo - rel. Consigliere -

Dott. CORRENTI Vincenzo - Consigliere -

Dott. GIUSTI Alberto - Consigliere -

Dott. CRISCUOLO Mauro - Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 6462/2016 proposto da:

B.A., (OMISSIS), elettivamente domiciliato in ROMA TEL: 0680692422, VIA DELLA PINETA SACCHETTI, 201, presso lo studio dell'avvocato GIANLUCA FONTANELLA, che lo rappresenta e difende;

- ricorrente -

contro

PREFETTURA DI ROMA - UTG DI ROMA;

- intimati -

avverso la sentenza n. 19441/2015 del TRIBUNALE di ROMA, depositata il 30/09/2015;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del 16/06/2017 dal Consigliere Dott. LORENZO ORILIA.

Svolgimento del processo

Il Tribunale di Roma, con sentenza 30.9.2015, ha rigettato l'appello proposto da B.A. contro la sentenza n. 3329/2014 con cui il Giudice di Pace, in contraddittorio con la Prefettura di Roma, il Comune di Monte Argentario e l'Equitalia Sud spa, aveva ritenuto valida una cartella di pagamento relativa alla pretesa dell'ente territoriale e annullato per prescrizione quella riguardante la pretesa della Prefettura con compensazione delle spese. In ordine alla regolamentazione delle spese - che costituiva l'oggetto dell'impugnazione - il Tribunale ha ravvisato gli estremi di una soccombenza reciproca.

Contro tale decisione il B. ricorre per cassazione sulla base di due motivi.

Le altre parti non hanno svolto difese.

Il relatore ha proposto l'accoglimento del ricorso per manifesta fondatezza.

Motivi della decisione

1.1 Con il primo motivo si deduce violazione o falsa applicazione degli artt. 91, 92, art. 118 disp. att., comma 2, art. 132 c.p.c., comma 2, n. 4 e art. 111 Cost., in relazione all'art. 360 c.p.c., n. 3. Rileva in particolare che il Tribunale con motivazione apparente ha ritenuto sussistere una soccombenza reciproca anche tra il ricorrente e la Prefettura di Roma sol perchè la stessa non si era costituita in giudizio. In secondo luogo, avrebbe dovuto considerare l'esistenza di una pluralità di domande e quindi di cause scindibili tra loro: quella contro il Comune di Monte Argentario, esclusa dall'impugnazione e quella contro la Prefettura e l'Equitalia, domanda integralmente accolta con annullamento della relativa cartella. Rileva il ricorrente che per valutare la soccombenza reciproca il Tribunale avrebbe dovuto considerare le domande riguardanti le stesse parti. ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall' Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.028 secondi