Cassazione civile Sez. VI - 2 Ordinanza del 26/06/2017 n.15889

Cassazione civile Sez. VI - 2 Ordinanza del 26/06/2017 n.15889
Sabato 8 Luglio 2017
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PETITTI Stefano - Presidente -

Dott. LOMBARDO Luigi Giovanni - Consigliere -

Dott. GIUSTI Alberto - Consigliere -

Dott. PICARONI Elisa - rel. Consigliere -

Dott. SCARPA Antonio - Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 3692/2016 proposto da:

T.D., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA ENNIO QUIRINO VISCONTI 20, presso lo studio dell'avvocato NICOLA DOMENICO PETRACCA, rappresentato e difeso dall'avvocato FRANCESCO MARESCA;

- ricorrente -

contro

UFFICIO TERRITORIALE GOVERNO PREFETTURA FIRENZE;

- intimato -

avverso la sentenza n. 4574/2015 del TRIBUNALE di FIRENZE, depositata il 21/12/2015;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del 07/04/2017 dal Consigliere Dott. ELISA PICARONI.

Svolgimento del processo - Motivi della decisione

Ritenuto che il Tribunale di Firenze, con sentenza depositata il 21 dicembre 2015, ha confermato la sentenza del Giudice di pace di Firenze n. 6849 del 2012, che aveva rigettato l'opposizione proposta da T.D. avverso il verbale di contestazione della violazione dell'art. 176 C.d.S., commi 1 e 19, per avere effettuato inversione di marcia in prossimità del casello autostradale;

che T.D. ha proposto ricorso per la cassazione della sentenza d'appello, affidato a due motivi;

che la parte intimata non ha svolto difesa.

Considerato che il relatore ha formulato proposta di decisione, ai sensi dell'art. 380 bis c.p.c., nel senso della manifesta infondatezza del ricorso, e il Collegio condivide la proposta, anche sotto il profilo della inutilità, per ragioni di economia dei mezzi processuali, di disporre la rinnovazione della notifica del ricorso, erroneamente indirizzata all'Avvocatura distrettuale dello Stato anzichè all'Avvocatura generale che è legittimata a difendere le articolazioni periferiche dell'amministrazione statale nei giudizi dinanzi a questa Corte Suprema; ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratis alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.047 secondi