Cassazione civile Sez. VI - 2 Ordinanza del 22/06/2017 n.15533

Cassazione civile Sez. VI - 2 Ordinanza del 22/06/2017 n.15533
Giovedi 6 Luglio 2017
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PETITTI Stefano - Presidente -

Dott. D’ASCOLA Pasquale - rel. Consigliere -

Dott. FALASCHI Milena - Consigliere -

Dott. SCALISI Antonino - Consigliere -

Dott. CRISCUOLO Mauro - Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 2581/2014 proposto da:

A.F., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA POMPEO UGONIO, 3 presso lo studio dell'avvocato CASELLA PINO, rappresentato da se stesso e dall'avvocato ANTONIO MINNA;

- ricorrente -

contro

PREFETTURA - UTG DI ANCONA, in persona del Prefetto pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso l'AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e difende;

- controricorrente -

avverso la sentenza n. 574/2013 del TRIBUNALE di ANCONA, depositata il 29/04/2013;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non depositata del 20/04/2017 dal Consigliere Dott. PASQUALE D'ASCOLA.

Svolgimento del processo - Motivi della decisione

1)Con sentenza emessa il 16.12.2009, il Giudice di Pace di Ancona dichiarava inammissibile il ricorso in opposizione avverso l'ordinanza-ingiunzione n. 16724/08 della Prefettura di Ancona, in quanto tardivamente proposto.

Il Giudice di Pace giungeva a tale declaratoria assumendo come dies a quo per la decorrenza del termine di opposizione il giorno 13.05.2009, data in cui l'atto veniva consegnato nelle mani di un familiare convivente del trasgressore.

2) Con sentenza emessa in data 23 aprile 2013 il Tribunale civile di Ancona ha rigettato l'appello.

Il Tribunale ha considerato rilevante la data del 15 (e non 13) maggio 2009, indicata dallo stesso ricorrente e, a partire dal predetto termine, ha considerato che alla data del 15.06.2009 erano già spirati i 30 giorni per la presentazione del ricorso in opposizione.

3) Per la cassazione della sentenza del Tribunale l'Avv. A. ha proposto ricorso, con atto notificato il 16.12.2013. ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.041 secondi