Cassazione civile Sez. II Ordinanza del 23/05/2017 n.12950

Cassazione civile Sez. II Ordinanza del 23/05/2017 n.12950
Giovedi 15 Giugno 2017
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MAZZACANE Vincenzo - Presidente -

Dott. ORICCHIO Antonio - Consigliere -

Dott. FEDERICO Guido - rel. Consigliere -

Dott. COSENTINO Antonello - Consigliere -

Dott. ABETE Luigi - Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 12152/2013 proposto da:

CONSORZIO AGRARIO PICENO SCRL IN LCA, P. IVA (OMISSIS), elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA AUGUSTO IMPERATORE 22, presso lo studio dell'avvocato ANDREA CUCCIA, rappresentato e difeso dagli avvocati ANTONLINDO DOMINICI, GIUSEPPE FRANCHI;

- ricorrente -

contro

CURATELA DELLA EREDITA' BENEFICIATA I.D., P. IVA (OMISSIS), elettivamente domiciliato in ROMA, VIA MONDRAGONE 10, presso lo studio dell'avvocato PIERA MASTRANGELI, rappresentato e difeso dall'avvocato PIERLUIGI MEDEI;

- controricorrente -

avverso la sentenza n. 646/2012 della CORTE D'APPELLO di ANCONA, depositata il 05/11/2012;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del 07/04/2017 dal Consigliere Dott. GUIDO FEDERICO.

Svolgimento del processo - Motivi della decisione

Il Consorzio Agrario Piceno S.c.r.l. in l.c.a. ricorre, con un unico motivo, nei confronti della Curatela della Eredità Beneficiata J.D., che resiste con controricorso, per la cassazione della sentenza della Corte d'Appello di Ancona n. 646/12, depositata il 5 novembre 2012, con la quale, in riforma della sentenza del Tribunale di Fermo è stata affermata l'intervenuta prescrizione del credito del Consorzio, sul rilievo che la dichiarazione di credito presentata al notaio incaricato della redazione dell'inventario, nel procedimento di accettazione dell'eredità con beneficio di inventario, non costituiva atto idoneo ad interrompere il decorso del termine prescrizionale.

Con l'unico motivo di ricorso il ricorrente denunzia la violazione e falsa applicazione degli artt. 2943 e 2944 c.c., e art. 2945 c.c., comma 1, in relazione all'art. 360 c.p.c., n. 3, nonchè l'omesso esame di un fatto decisivo ai sensi dell'art. 360 c.p.c., n. 5, avuto riguardo alla qualificazione del notaio, quale ausiliario del Giudice addetto al procedimento di volontaria giurisdizione e la continuità tra l'attività del notaio e quella del curatore e la conseguente opponibilità a quest'ultimo delle comunicazioni rivolte al primo. ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.037 secondi