Cassazione civile Sez. VI - 1 Ordinanza n. 7239 del 22/03/2018

Cassazione civile Sez. VI - 1 Ordinanza n. 7239 del 22/03/2018
Giovedi 5 Aprile 2018
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI VIRGILIO Rosa Maria - Presidente -

Dott. VALITUTTI Antonio - rel. Consigliere -

Dott. DI MARZIO Mauro - Consigliere -

Dott. MARULLLI Marco - Consigliere -

Dott. LAMORGESE Antonio - Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 8190/2017 proposto da:

F.G., elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZA CAVOUR, presso la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentata e difesa dall'avvocato FILOMENA D'ADDARIO;

- ricorrente -

contro

D.Q.D., elettivamente domiciliato in ROMA, VIALE GIUSEPPE SIRTORI 56, presso lo studio dell'avvocato VITTORIO AMEDEO MARINELLI, rappresentato e difeso dagli avvocati FRANCESCO ORLANDO, VINCENZO CORALLO;

- controricorrente -

avverso la sentenza n. 142/2016 della CORTE D'APPELLO di LECCE, depositata il 16/02/2016;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non partecipata del 13/02/2018 dal Consigliere Dott. ANTONIO VALITUTTI.

Svolgimento del processo - Motivi della decisione

Rilevato che:

F.G. ha proposto ricorso per cassazione avverso la sentenza della Corte d'appello di Lecce n. 142 del 2016, depositata il 16 febbraio 2016, con la quale è stata accolta la domanda, avanzata dal controricorrente, allora appellante signor D.Q.D., di rigetto della domanda di pagamento della quota di TFR dalla odierna ricorrente proposta L. n. 898 del 1970, ex art. 12 bis; il signor D.Q.D. ha replicato con controricorso;

Considerato che:

con il primo motivo di ricorso - violazione e falsa applicazione della L. n. 898 del 1970, art. 12 bis, (art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3) - la ricorrente lamenta che la Corte d'appello abbia erroneamente escluso il diritto a percepire la quota di TFR richiesta, dovendosi individuare, quale elemento temporale di riferimento a tal fine, quello in cui il TFR entra definitivamente nella disponibilità del coniuge e non quello in cui sorge il relativo diritto; ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratis alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.047 secondi