Cassazione civile Sez. II Ordinanza n. 5338 del 22/02/2019

Cassazione civile Sez. II Ordinanza n. 5338 del 22/02/2019
Lunedi 4 Marzo 2019
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CORRENTI Vincenzo - Presidente -

Dott. BELLINI Ubaldo - Consigliere -

Dott. PICARONI Elisa - rel. Consigliere -

Dott. CASADONTE Annamaria - Consigliere -

Dott. DONGIACOMO Giuseppe - Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 8570/2016 proposto da:

ROMA CAPITALE, in persona del Sindaco pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEL TMPIO DI GIOVE 21, presso lo studio dell'avvocato ANDREA MAGNANELLI, che lo rappresenta e difende;

- ricorrente -

contro

B.L., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA INNOCENZO XI 8, presso lo studio dell'avvocato DI MEGLIO GIANFRANCO, presso che la rappresenta e difende;

- controricorrente -

avverso la sentenza n. 604/2016 del TRIBUNALE di ROMA, depositata il 13/01/2016;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del 12/10/2018 dal Consigliere ELISA PICARONI.

Svolgimento del processo

1. Il Tribunale di Roma, con sentenza pubblicata il 13 gennaio 2016 e notificata il 29 febbraio 2016, ha accolto l'appello proposto da B.L. avverso la sentenza del Giudice di pace di Roma n. 59136 del 2011, e nei confronti di Roma Capitale.

1.1. Il Giudice di pace aveva rigettato l'opposizione della sig.ra B. avverso i verbali di accertamento della violazione del D.Lgs. n. 285 del 1992, artt. 7 e 201, (C.d.S.) e D.P.R. n. 495 del 1992, art. 384, (reg. es. C.d.S.), elevati a suo carico dalla Polizia Municipale di Roma per accesso in zona ZTL senza titolo autorizzativo.

2. Il Tribunale ha riformato la decisione.

2.1. Rilevato, in premessa, che l'obbligo del giudice di ricercare le fonti del diritto non opera con riferimento alle norme secondarie ed agli atti amministrativi, donde l'onere di allegazione e produzione della parte interessata.

2.1. Quanto al merito dell'opposizione, il Tribunale ha evidenziato che l'appellante accedeva alla zona a traffico limitato con la vettura che aveva acquistato nel marzo 2007 da suo fratello - già titolare di permesso in qualità di residente; che la vettura era regolarmente munita di permesso, rinnovato in data 14 marzo 2008, con durata quinquennale; che Roma Capitale non aveva dato prova della allegata intervenuta revoca del permesso in data in data 31 dicembre 2009. ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratis alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.048 secondi