Cassazione civile Sez. V Ordinanza n. 4396 del 23/02/2018

Cassazione civile Sez. V Ordinanza n. 4396 del 23/02/2018
Venerdi 3 Agosto 2018
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VIRGILIO Biagio - Presidente -

Dott. GRECO Antonio - Consigliere -

Dott. MONTAGNI Andrea - Consigliere -

Dott. SABATO Raffaele - rel. Consigliere -

Dott. LA TORRE Maria Enza - Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 489/2013 proposto da:

B.M., elettivamente domiciliata in ROMA VIA PIEVE LIGURE 48, presso lo studio dell'avvocato ENRICO D'ANGELO, rappresentata e difesa dall'avvocato ANDREA DI LORENZO;

- ricorrente -

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE DIREZIONE PROVINCIALE DI CASERTA;

- intimata -

avverso la sentenza n. 107/2012 della COMM.TRIB.REG. della Campania depositata l'08/05/2012;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del 07/07/2017 dal Consigliere Dott. RAFFAELE SABATO.

Svolgimento del processo

L'Agenzia delle entrate ha notificato alla contribuente B.M., titolare di un'autoscuola in (OMISSIS), avviso di accertamento di maggiori ricavi con conseguenti debenze di maggiori IRPEF e addizionali, IRAP, IVA e contributi previdenziali per l'anno d'imposta 2006 ai sensi dei D.P.R. n. 600 del 1973, art. 39, comma 1, lett. d).

La commissione tributaria provinciale di Caserta ha accolto il ricorso della contribuente, ritenendo l'accertamento fondato su presunzioni prive dei requisiti di gravità, precisione e concordanza.

La decisione, appellata dall'Agenzia, è stata riformata dalla commissione tributaria regionale della Campania in Napoli con sentenza depositata in data 8.5.2012, con parziale accoglimento del gravame e riduzione del 35% dei maggiori ricavi accertati. Ritenendo le presunzioni utilizzate dall'Agenzia connotate dai requisiti di legge, e ritenendo che i dati statistici "Altroconsumo", pur non allegati all'avviso di accertamento, fossero sufficientemente in esso riportati, la commissione ha considerato irrealistico lo studio di settore presentato dalla contribuente e il costo medio per ciascuna patente di guida fatta conseguire indicato dalla stessa; tenuto conto della realtà in cui la contribuente opera, ha però ritenuto adeguata una stima di minori ricavi rispetto a quelli accertati. ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratis alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.039 secondi