Cassazione civile Sez. II, Ordinanza n. 17656 del 05/07/2018

Cassazione civile Sez. II, Ordinanza n. 17656 del 05/07/2018
Venerdi 10 Agosto 2018
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANNA Felice - Presidente -

Dott. COSENTINO Antonello - Consigliere -

Dott. DONGIACOMO Giuseppe - Consigliere -

Dott. BESSO MARCHEIS Chiara - Consigliere -

Dott. CAVALLARI Dario - rel. Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 7572-2014 proposto da:

F.L., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEGLI SCIPIONI 235, presso lo studio dell'avvocato EMILIO PERSICHETTI, che la rappresenta e difende assieme all'avvocato ANDREA FARAON;

- ricorrente -

contro

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA;

- resistente -

avverso il decreto del Presidente del Tribunale di Taranto del 3 settembre 2013, depositato il 9 settembre 2013;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio dell'8 marzo 2018 dal Dott. DARIO CAVALLARI;

Svolgimento del processo - Motivi della decisione
Con atto depositato il 16 settembre 2009 l'Avv. F.L. ha proposto al GUP del Tribunale di Taranto istanza di liquidazione del compenso a lui spettante per l'attività difensiva svolta nell'interesse di S.E..

Con decreto del 24 marzo 2010 il giudice adito ha liquidato l'importo di Euro 3.350,00, oltre ad una somma ulteriore per il consulente di parte.

F.L. ha proposto opposizione contro il summenzionato decreto.

Con decreto del 3 settembre 2013 il Presidente del Tribunale di Taranto ha in parte accolto l'opposizione, riconoscendo l'ammontare di Euro 12.480,00 a titolo di onorario del difensore e di Euro 1.000,00, per spese di consulenza di parte.

F.L. ha proposto ricorso per cassazione sulla base di quattro motivi.

Il Ministero della Giustizia ha depositato "atto di discussione per la partecipazione alla discussione orale".

1. Con i quattro motivi di ricorso, che possono essere trattati congiuntamente stante la stretta connessione, F.L. lamenta la violazione o falsa applicazione del D.P.R. n. 115 del 2002, artt. 80, 82, 83 e 102.

Innanzitutto, egli contesta il fatto che il Presidente del Tribunale di Taranto non abbia riconosciuto in suo favore le spese ed indennità relative all'accesso al carcere di Augusta, ove il suo assistito era detenuto, nonostante gli esborsi sostenuti fossero stati inferiori a quelli che un difensore iscritto all'albo di Taranto, Brindisi o Lecce avrebbe dovuto, comunque, affrontare e che sarebbero stati rimborsati per legge. ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.039 secondi