Cassazione civile Sez. II, Ordinanza n. 142 del 05/01/2017

Cassazione civile Sez. II, Ordinanza n. 142 del 05/01/2017
Venerdi 13 Gennaio 2017
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PETITTI Stefano - Presidente -

Dott. PARZIALE Ippolisto - rel. Consigliere -

Dott. GIUSTI Alberto - Consigliere -

Dott. FALASCHI Milena - Consigliere -

Dott. SCARPA Antonio - Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 22179/2010 proposto da:

EQUITALIA SPA (OMISSIS), in persona dell'amministratore delegato, elettivamente domiciliata in Roma, Via Federico Cesi 21, presso lo studio dell'avvocato SALVATORI TORRISI, rappresentata e difesa dall'avvocato GIUSEPPE FIERTLER, come da procura speciale a margine del ricorso;

- ricorrente -

contro

M.E. - PREFETTURA DI COSENZA;

- intimati -

avverso la sentenza n. 749/2009 del GIUDICE DI PACE di ROSSANO, depositata il 16/09/2009;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 18/10/2016 dal Consigliere Ippolisto Parziale;

udito il sostituto procuratore generale, dott. Rosario Giovanni Russo, che conclude per l'inammissibilità del ricorso.

Svolgimento del processo

1. M.E., con ricorso depositato il 9 marzo 2009 davanti al Giudice di Pace di Rossano, proponeva opposizione avverso la cartella di pagamento n. (OMISSIS), relativa a sanzioni amministrative di cui al D.L. n. 507 del 1999, per la somma di Euro 3.490,70, notificata dalla E. Tr. Ecluitalia spa, quale agente della riscossione dei tributi, per conto dell'ente impositore Prefettura di Cosenza.

Esponeva che: a) l'atto impugnato era nullo per mancata indicazione e sottoscrizione del responsabile del procedimento e per assenza di una congrua motivazione; b) nel merito, la pretesa di cui al ruolo non esisteva e la cartella esattoriale era imprecisa per omessa specificazione degli importi richiesti; c) le somme in questione erano prescritte ed il ruolo era stato annullato dal Giudice di Pace di Rossano.

La ricorrente domandava, pertanto, che la cartella di pagamento fosse annullata o dichiarata nulla. ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratis alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.05 secondi