Cassazione civile Sez. lavoro Sentenza n. 31495 del 05/12/2018

Giovedi 7 Marzo 2019
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. NOBILE Vittorio - Presidente -

Dott. PATTI Adriano Piergiovanni - rel. Consigliere -

Dott. PONTERIO Carla - Consigliere -

Dott. CINQUE Guglielmo - Consigliere -

Dott. AMENDOLA Fabrizio - Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 9284-2017 proposto da:

G.F., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA FLAMINIA 195, presso lo studio dell'avvocato SERGIO VACIRCA, che lo rappresenta e difende unitamente all'avvocato MARIAGRAZIA NAPOLI, giusta delega in atti;

- ricorrente - contro

ILLVA SARONNO S.P.A., ILLVA SARONNO HOLDING S.P.A., in persona dei legali rappresentanti pro tempore, elettivamente domiciliate in ROMA, VIA MARIANNA DIONIGI 29, presso lo studio dell'avvocato ERNESTO ALIBERTI, rappresentate e difese dall'avvocato PATRIZIA CASTIGLIONI, giusta delega in atti;

- controricorrenti - avverso la sentenza n. 1098/2016 della CORTE D'APPELLO di MILANO, depositata il 06/10/2016, R.G.N. 626/2013;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 11/10/2018 dal Consigliere Dott. ADRIANO PIERGIOVANNI PATTI;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. MASTROBERARDINO Paola, che ha concluso per il rigetto del ricorso;

udito l'Avvocato SERGIO VACIRCA;

udito l'Avvocato PATRIZIA CASTIGLIONI.

Svolgimento del processo

Con sentenza in data 6 ottobre 2016, la Corte d'appello di Milano rigettava l'appello proposto da G.F. avverso la sentenza di primo grado, di reiezione della sua impugnazione di illegittimità del licenziamento intimatogli il 3 maggio 2011 da Illva Saronno s.p.a. per giustificato motivo oggettivo e delle conseguenti domande di condanna reintegratoria e risarcitoria, sul previo accertamento dell'imputabilità del rapporto di lavoro alla capogruppo Illva Saronno Holding s.p.a.

Preliminarmente esclusa l'illegittimità del licenziamento per mancanza di una chiara indicazione della firma del sottoscrittore della lettera di recesso e dei relativi poteri, la Corte territoriale riteneva, anche in esito all'istruzione orale disposta, l'effettiva sussistenza della riorganizzazione aziendale a giustificazione del provvedimento, che aveva comportato anche la soppressione dell'area Nielse (OMISSIS) (comprendente Lombardia, Piemonte, Liguria e Valle d'Aosta), per il settore vini, diretta da G.F., per una criticità del mercato nazionale produttiva di un documentato calo delle vendite. Essa escludeva poi la violazione dell'obbligo datoriale di repechage, per la prova della mancanza di aree alternative per una possibile (ri)collocazione del predetto, al momento del suo licenziamento; neppure potendogli essere offerte mansioni inferiori, per le quali la società datrice aveva assunto personale a tempo determinato, in quanto relative ad attività (di supporto alle vendite verso i grossisti a diretto riporto dell'Area Manager o del Responsabile Training e Sviluppo Centrale Ingrosso Wine & Spirits) oggettivamente non rientranti nel suo bagaglio professionale. ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall' Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.027 secondi