Cassazione civile Sez. III, Sentenza del 28/07/2017 n.18743

Venerdi 1 Settembre 2017
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI AMATO Sergio - Presidente -

Dott. TRAVAGLINO Giacomo - rel. Consigliere -

Dott. SCRIMA Antonietta - Consigliere -

Dott. ROSSETTI Marco - Consigliere -

Dott. PELLECCHIA Antonella - Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 16904/2015 proposto da:

P.M., PA.AD.EF., elettivamente domiciliati in ROMA, CIRCONVALLAZIONE CLODIA 19, presso lo studio dell'avvocato CLAUDIO IOVANE, rappresentati e difesi dagli avvocati NADIA PIRONACI, STEFANO CERA giusta procura in calce al ricorso;

- ricorrenti -

contro

V.D., R.A.L., elettivamente domiciliati in ROMA, VIALE ANICIO GALLO 102, presso lo studio dell'avvocato FABRIZIO PALESE, rappresentati e difesi dagli avvocati DANIELE VALENTINI, ANNA-LISA RENDA giusta procura in calce al controricorso;

- controricorrenti -

avverso la sentenza n. 911/2015 della CORTE D'APPELLO di BOLOGNA, depositata il 12/05/2015;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 10/11/2016 dal Consigliere Dott. GIACOMO TRAVAGLINO;

udito l'Avvocato STEFANO CERA;

udito l'Avvocato ANNA-LIOSA RENDA;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. PRATIS Pierfelice, che ha concluso per l'accoglimento del ricorso.

Svolgimento del processo

All'esito della pronuncia del Tribunale di Bologna del 7.1.2013 e del successivo provvedimento di correzione di errore materiale, l'oggetto del giudizio di appello veniva circoscritto dalla Corte felsinea adita dagli odierni resistenti all'impugnazione proposta da R.A.L. e V.D. avverso il suddetto il provvedimento di correzione pronunciato dal giudice di primo grado con riguardo alla liquidazione delle spese di lite contenuta in dispositivo - pari ad Euro 7217,82 e corretta in Euro 2100 -, provvedimento con il quale il Tribunale avrebbe affermato che per mero errore di calcolo l'importo delle spese di giudizio era stato determinato nella maggior somma dianzi indicata. ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall' Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.021 secondi