Cassazione civile Sez. III, Sentenza n. 2169 del 04-02-2016

Cassazione civile Sez. III, Sentenza n. 2169 del 04-02-2016
Venerdi 1 Aprile 2016
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PETTI Giovanni B. - Presidente -

Dott. SPIRITO Angelo - Consigliere -

Dott. AMBROSIO Annamaria - Consigliere -

Dott. ARMANO Uliana - rel. Consigliere -

Dott. PELLECCHIA Antonella - Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 1938-2013 proposto da:

D.N.M. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in ROMA, VIA MENGHINI MARIO 21, presso lo studio dell'avvocato PORFILIO PASQUALE, che lo rappresenta e difende giusta procura speciale a margine del ricorso;

- ricorrente -

contro

C.F., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA FERRARI GIUSEPPE 35, presso lo studio dell'avvocato DONATACCIO ANGELA CARMELA, che lo rappresenta e difende unitamente all'avvocato GIUSEPPE PESCE giusta procura speciale in calce al controricorso;

- controricorrente -

avverso la sentenza n. 2991/2012 della CORTE D'APPELLO di ROMA, depositata il 05/06/2012, R.G.N. 6486/2010;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 14/10/2015 dal Consigliere Dott. ULIANA ARMANO;

udito l'Avvocato PASQUALE PORFILIO;

udito l'Avvocato ANGELA DONATACCIO;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. RUSSO Rosario Giovanni che ha concluso per l'accoglimento del 3 motivo in subordine del 2 motivo, assorbiti gli altri.

Svolgimento del processo

D.N.M. propone ricorso per cassazione con sei motivi avverso la sentenza della Corte di appello di Roma depositata il 5/6/2012, che ha confermato il rigetto della opposizione proposta dal D.N. al decreto ingiuntivo avente ad oggetto il pagamento di prestazioni professionali richiesto dell'avvocato C.F..

Resiste l'avvocato C.F..

D.N.M. ha presentato memoria ex art. 378 c.p.c..

Motivi della decisione

1. I giudici di merito hanno escluso la presenza di un patto di quota lite perchè l'accordo sui compensi professionali, prodotto in giudizio dall'avvocato C., era intervenuto successivamente alla conclusione del giudizio civile e del procedimento amministrativo per cui era stata prestata assistenza legale dall'avvocato, decidendo la controversia sulla base dell'accordo intercorso fra le parti. ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratis alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.052 secondi