Cassazione civile Sez. III Ordinanza del 29/09/2017 n.22801

Cassazione civile Sez. III Ordinanza del 29/09/2017 n.22801
Mercoledi 11 Ottobre 2017
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI AMATO Sergio - Presidente -

Dott. RUBINO Lina - rel. Consigliere -

Dott. ROSSETTI Marco - Consigliere -

Dott. POSITANO Gabriele - Consigliere -

Dott. MOSCARINI Anna - Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 21610-2014 proposto da:

B.M., B.P., N.M.F., elettivamente domiciliati in ROMA, VIA PAOLO EMILIO 7, presso lo studio dell'avvocato MARIA CARMELA LAVORATO, rappresentati e difesi dall'avvocato CATERINA CATERINO giusta procura speciale in calce al ricorso;

- ricorrenti -

contro

COMUNE DI POZZOLENGO nella persona del Sindaco pro tempore BE.PA., elettivamente domiciliato in ROMA, VIALE GIULIO CESARE, 71, presso lo studio dell'avvocato ANDREA DEL VECCHIO, rappresentato e difeso dagli avvocati PAOLO SIMONI, CLAUDIO FERRARI giusta procura speciale in calce al controricorso;

- controricorrente -

avverso la sentenza n. 1207/2013 della CORTE D'APPELLO di BRESCIA, depositata il 04/11/2013;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del 17/02/2017 dal Consigliere Dott. LINA RUBINO.

Svolgimento del processo

Nel 2001 B.M. e i suoi genitori, B.P. e N.M.F., convenivano in giudizio il Comune di Pozzolengo (BS) per sentir accertare la responsabilità del Comune stesso, exart. 2051 c.c., nel grave incidente stradale in cui era rimasto coinvolto il B.M., che, percorrendo una strada comunale alla guida della sua motocicletta, in corrispondenza di un solco nell'asfalto non segnalato, nonchè di terriccio fangoso non rimosso, perdeva il controllo della moto, ne veniva sbalzato e scagliato contro il guard rail posizionato sul lato opposto della carreggiata, che, essendo non ben fissato, aveva assunto una anomala posizione obliqua in cui rimaneva esposto, girato dalla parte destinata al transito dei veicoli, un punto tagliente, che, a seguito dell'impatto violento con il corpo del giovane motociclista sbalzato dalla moto, gli provocava l'amputazione netta di un braccio. ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.043 secondi