Cassazione civile Sez. III Ordinanza del 18/05/2017 n.12495

Cassazione civile Sez. III Ordinanza del 18/05/2017 n.12495
Martedi 30 Maggio 2017
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TRAVAGLINO Giacomo - Presidente -

Dott. SCODITTI Enrico - Consigliere -

Dott. DELL’UTRI Marco - Consigliere -

Dott. TATANGELO Augusto - rel. Consigliere -

Dott. PELLECCHIA Antonella - Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al numero 25206 dell'anno 2015, proposto da:

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE - A.S.P. DI (OMISSIS), (P.I.: (OMISSIS)), in persona del Direttore Generale, legale rappresentante pro tempore rappresentato e difeso, giuste procura in calce al ricorso, dall'avvocato Ferdinando Maurelli (C.F.: MRL FDN 52C13 B429V);

- ricorrente -

nei confronti di:

- N.S., (C.F.: (OMISSIS));

- COMUNE DI GELA (C.F.: non indicato), in persona del Sindaco, legale rappresentante pro tempore;

- intimati -

per la cassazione della sentenza della Corte di Appello di Caltanissetta n. 57/2015, depositata in data 27 marzo 2015;

udita la relazione sulla causa svolta alla camera di consiglio del 267 aprile 2017 dal consigliere Augusto Tatangelo.

Svolgimento del processo

N.E. e S.A., quali genitori rappresentanti della minore N.S. (divenuta maggiorenne in corso di causa), hanno agito in giudizio nei confronti del Comune di Gela e della A.S.L. n. (OMISSIS) (oggi A.S.P.) di (OMISSIS) per ottenere il risarcimento dei danni subiti dalla figlia, aggredita e ferita da due cani randagi in data (OMISSIS).

La domanda è stata accolta dal Tribunale di Gela, che ha condannato sia il comune che la ASL al pagamento dell'importo di Euro 5.680,97, oltre accessori, in favore di parte attrice.

La Corte di Appello di Caltanissetta ha confermato la decisione di primo grado.

Ricorre la ASP di (OMISSIS), sulla base di due motivi.

Non hanno svolto attività difensiva in questa sede gli intimati. Il ricorso è stato trattato in camera di consiglio, in applicazione degli artt. 375 e 380 bis c.p.c..

Il collegio ha disposto che sia redatta motivazione in forma semplificata. ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratis alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.044 secondi